David Hawkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Hawkins
David Hawkins.JPG
David Hawkins con la maglia della Virtus Roma
Nome David Gregory Hawkins
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 195 cm
Peso 95 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia / ala piccola
Squadra 600px Bianco e Blu 16.png Basket Sustinente
Carriera
Giovanili
Archbishop Carroll High School
2000-2004 Temple Owls
Squadre di club
2004-2005 NSB Rieti 18 (464)
2005-2008 Virtus Roma 104 (1.578)
2008-2009 Olimpia Milano 30 (477)
2009-2010 Mens Sana Siena 28 (337)
2010-2011 Olimpia Milano 30 (412)
2011-2012 Beşiktaş 28 (311)
2012-2013 Galatasaray 15 (204)
2017- 600px Bianco e Blu 16.png Basket Sustinente 1 (17)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º marzo 2017

David Gregory Hawkins (Washington, 28 ottobre 1982) è un cestista statunitense, professionista in Italia e in Turchia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore dotato di mezzi fisici molto importanti, predilige in modo particolare le penetrazioni, benché talvolta non disdegni il tiro da tre punti.

Al college ha giocato fino al 2004 con la Temple University, dove, grazie alle sue importanti doti fisiche viaggiava alla notevole media di oltre 20 punti a partita.

Finito il college ha disputato la pre-season con gli Houston Rockets dopodiché a partire dal 2004 si è accasato in Italia, alla Nuova Sebastiani Basket Rieti con 25 punti di media in sei mesi in Legadue.

Nell'aprile 2005 viene ingaggiato dalla Virtus Roma, con cui arriva alla semifinale scudetto, persa contro la Fortitudo Bologna, dopo aver fornito ottime prestazioni in tutte le gare dei play-off.

Nel 2006 vince il titolo di MVP della finale di Coppa Italia nonostante la sconfitta della propria squadra contro la Carpisa Napoli.

Dopo un inizio di stagione decisamente sotto tono, nel quale si è rivelato incostante, offrendo a volte prestazioni di altissimo valore, a volte gare più deludenti forse attirato dalle sirene NBA. Probabilmente il vero Hawkins è stato quello della stagione precedente dove ha avuto statistiche di altissimo valore.

Dopo la gara-3 della semifinale contro la Montepaschi Siena giocata il 5 giugno 2007, dopo un controllo effettuato è stato trovato positivo alla cannabis, ricevendo una squalifica che lo ha tenuto fuori per tre mesi. Rientrato in campionato alla quarta giornata della stagione 2007-08 e in Eurolega, "il falco", dopo alcune prestazioni incolori, ritorna lentamente sugli antichi livelli, dimostrando ciò che può realmente fare. A febbraio, dalle pagine del Corriere dello Sport, annuncia il suo addio a Roma a fine stagione. Ha trascinato in finale scudetto Roma contro la Montepaschi Siena. La finale Roma la perde 4-1, però Hawkins si distingue quale autentico trascinatore durante tutta la stagione, disputando una seconda parte di campionato ad altissimi livelli e con grande impegno. Ha chiuso la sua stagione con 12,5 punti, 4 rimbalzi, 2,3 assist e 2,7 palle recuperate in 29,5 minuti di media, ritornando finalmente a giocare ai suoi livelli fino ad essere il giocatore più importante di Roma per la stagione 2007-08, insieme ad Erazem Lorbek.

Nella stagione 2008-09 firma per l'Olimpia Milano[1], in cui funge da prima opzione offensiva nella maggior parte dei casi.

Non esercita l'opzione sul secondo anno con Milano, così il 24 luglio 2009 viene ufficializzato alla Montepaschi Siena, con cui vince scudetto e coppa Italia[2] con un contratto annuale con l'opzione sul secondo.

Nell'estate 2010 torna all'Olimpia Milano[3] con cui viene eliminato 3-1 nella semifinale play-off scudetto dalla Pallacanestro Cantù. Con l'arrivo del nuovo allenatore dell'Olimpia Sergio Scariolo, non rientra più nei piani tecnici nonostante il suo forte, e più volte dichiarato, attaccamento alla maglia e alla città. Dal 2004 al giugno 2011, nei vari campionati disputati in Italia, ha giocato 275 partite segnando 4.183 punti per una media di 15,21 punti/partita.

Nel luglio del 2011 si accasa in Turchia, al Beşiktaş[4].

Il 16 agosto 2012 il Galatasaray S.K.B. paga un buyout di 500.000 dollari al Beşiktaş e fa firmare al giocatore un biennale con opzione per la terza stagione[5].

Nel gennaio 2013 non passa un test antidoping[6]. Dopo essere risultato positivo alla cocaina anche nelle controanalisi[7], viene squalificato per 4 anni dalla TBF[8].

Il 21 febbraio 2017 viene annunciato il suo ritorno in Italia con la A.D. Basket Sustinente, squadra del mantovano militante in Serie C Silver[9]. All'esordio nella sua prima ed ultima partita mette a referto 17 punti, con 3/7 da due e 1/4 da tre[10].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Squadra[modifica | modifica wikitesto]

Mens Sana Siena: 2009-10
Beşiktaş: 2011-12
Beşiktaş: 2012
Mens Sana Siena: 2010
Mens Sana Siena: 2009
Beşiktaş Istanbul: 2011-12

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Virtus Roma: 2006

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Milano, c'è David Hawkins Avellino si regala Dickau, notizia tratta dal sito Gazzetta.it
  2. ^ La Mens Sana Basket ingaggia David Hawkins, notizia tratta dal sito SienaFree.it
  3. ^ David Hawkins torna a Milano, notizia tratta dal sito OlimpiaMilano.com
  4. ^ David Hawkins firma con il Besiktas, notizia tratta dal sito DotBasket.it
  5. ^ David Hawkins è del Galatasaray sportando.net 16 agosto 2012
  6. ^ Galatasaray, David Hawkins non passa un test anti-doping sportando.com
  7. ^ David Hawkins positivo anche alle contro analisi sportando.com
  8. ^ La Federazione turca squalifica David Hawkins per 4 anni sportando.com
  9. ^ Basket: il ritorno di Hawkins, in C Silver lombarda con il Sustinente, gazzetta.it, 21 febbraio 2017.
  10. ^ L’effetto Hawkins non c’è: la Juvi vola a Sustinente, gazzettadimantova.gelocal.it, 26 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]