Darina Mifkova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Darina Mifkova
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Schiacciatrice
Ritirata 2011
Carriera
Squadre di club
1985-1988Volley Curno
1988-1989Pallavolo Cologno
1989-1990Volley Calcinato
1990-1991Template:Pallavolo Crema '70 F
1991-1992VBC Cassano
1992-1995Modena
1995-1999Bergamo
1999-2000Centro Ester
2000-2002Vicenza Volley
2002-2003Modena
2003-2005Volley 2002 Forlì
2005-2006Giannino Pieralisi
2006-2007Club Padova
2007-2008Vicenza Volley
2008-2009Pallavolo Cesena
2009-2010Template:Volley Viserba F
2010-2011Atletico Bologna
Nazionale
1993-2004 Italia Italia 283 pres.
Palmarès
Transparent.png Campionato mondiale
Oro Germania 2002
Transparent.png Campionato europeo
Argento Bulgaria 2001
Transparent.png World Grand Prix
Argento Reggio Calabria 2004
Statistiche aggiornate al 31 luglio 2010

Darina Mifkova (Praga, 24 maggio 1974) è un'ex pallavolista italiana.

Giocava nel ruolo di schiacciatrice.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Darina Mifkova nasce a Praga, in Cecoslovacchia ma ha sempre vissuto in Italia; inizia a giocare presto a pallavolo seguendo le orme della madre, anch'ella pallavolista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce nel 1985 in serie D con il Volley Curno: negli anni successivi cambia diverse squadre, sempre in serie minori, come la Pallavolo Cologno, il Volley Calcinato e Pallavolo Crema '70, le ultime due in serie B. Nella stagione 1991-92 viene ingaggiata dal Volleyball Club Cassano, squadra di serie A1: la stagione si conclude con la retrocessione della squadra. Nell'annata successiva passa al Volley Modena dove resta per tre stagioni, vincendo anche una Coppa delle Coppe.

Nella stagione 1995-96 si trasferisce al Volley Bergamo, dove raggiunge l'apice della sua carriera a livello di club: vince infatti quattro scudetti e tre Coppe Italia consecutive, oltre a due Coppe dei Campioni.

Dopo una stagione nel Centro Ester Pallavolo di Napoli, nel 2000 approda al Vicenza Volley, con la quale vince una Coppa CEV e una Supercoppa italiana.

A partire dal 2002 inizia un peregrinare tra varie formazioni di serie A1 come nel Volley 2002 Forlì, Pieralisi Jesi, Volley Club Padova e Pallavolo Cesena.

A termine della stagione 2008-09 annuncia il suo ritiro dalla pallavolo agonistica, anche se poi ritorna sulla sua decisione decidendo di proseguire nel Viserba Volley, in serie B2, per poi continuare nel 2010, sempre nella stessa categoria, nell'Atletico Volley di Bologna. Nell'aprile 2011 annuncia il suo ritiro dall'attività agonistica.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni novanta ottiene le prime convocazioni in nazionale, anche se per lungo tempo non otterrà risultati rilevanti.

All'inizio del duemila ritorna anche in nazionale con la quale ottiene i suoi maggior successi ossia la medaglia d'argento al campionato europeo 2001 e soprattutto la medaglia d'oro al campionato mondiale 2002.

L'ultima presenza in nazionale risale al 2004, chiudendo la carriera azzurra con un argento al World Grand Prix.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

1995-96, 1996-97, 1997-98, 1998-99
1995-96, 1996-97, 1997-98
1996, 1997, 1998, 2001, 2002
1996-97, 1998-99
1994-95
2000-01

Nazionale (competizioni minori)[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 8 novembre 2002. Di iniziativa del Presidente della repubblica.[1]
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
— Roma, 11 novembre 2004. Di iniziativa del Presidente del CONI.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig.ra Darina Mifkova, su quirinale.it. URL consultato l'11 aprile 2011.
  2. ^ Cerimonia di consegna dei Collari d'oro 2004, su coni.it. URL consultato l'11 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]