Daniele Tei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniele Tei
30 giugno 1946 – 17 settembre 2011
Nato a Perugia
Morto a Trevignano Romano
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Aeronautica Militare
Specialità Pilota AM.svg Pilota militare
Anni di servizio 1965 - 2010
Grado generale di squadra aerea
Comandante di
Studi militari
Fonte: biografia su aeronautica.difesa.it
voci di militari presenti su Wikipedia

Daniele Tei (Perugia, 30 giugno 1946Trevignano Romano, 17 settembre 2011) è stato un generale italiano, già Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato i corsi normali dell'Accademia Aeronautica con il corso "Drago III" tra il 1965-1968, nel 1970 ha conseguito il brevetto di pilota militare presso la scuola aviogetti di Amendola.

Incarichi ricoperti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 30 gennaio 2008 al 24 febbraio 2010 ha ricoperto l'incarico di Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, quando è stato posto in quiescenza.[1]

Ha conseguito la laurea in Scienze Aeronautiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Al suo attivo circa 2.800 ore di volo su 13 diversi tipi di velivolo, delle quali circa 2000 su aviogetto; come pilota militare ha conseguito la qualifica di Istruttore di Tiro e Tattiche Aeree.

Daniele Tei è deceduto a Trevignano Romano il 17 settembre 2011. Le esequie si sono svolte lunedì 19 settembre 2011 presso la Basilica di San Lorenzo fuori le mura a Roma. In tale circostanza il generale Domenico Mazza ha ricordato, a nome del corso "Drago III", il generale Tei.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 5 maggio 2008[2]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 2005[3]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1995[4]
Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare
Medaglia militare aeronautica per lunga navigazione aerea (20 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia militare aeronautica per lunga navigazione aerea (20 anni)
Medaglia militare al merito di lungo comando (15 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia militare al merito di lungo comando (15 anni)
Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni)
Medaglia commemorativa NATO Jugoslavia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa NATO Jugoslavia
Medaglia per la missione in Kosovo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la missione in Kosovo
Cavaliere del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere dell'Ordine di Malta
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere dell'Ordine al Merito del Conseil International du Sport Militaire CISM
immagine del nastrino non ancora presente Pubblica Benemerenza Protezione Civile

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

immagine del nastrino non ancora presente Medaglia Aeronautica Peruviana

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Comandante della Squadra Aerea Successore Squadra Aerea.png
Gen SA Giulio Mainini 5 giugno 2007 - 24 gennaio 2008 Gen SA Giuseppe Marani in sede vacante
Predecessore Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Successore Coat of arms of the Italian Air Force.svg
Gen SA Vincenzo Camporini 30 gennaio 2008 - 24 febbraio 2010 Gen SA Giuseppe Bernardis