Cynthia McKinney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cynthia Ann McKinney
Cynthia McKinney.jpg

Membro della Camera dei rappresentanti - Georgia, distretto n.11
Durata mandato 3 gennaio 1993 - 3 gennaio 1997
Predecessore Distretto creato
Successore John Linder

Membro della Camera dei Rappresentanti - Georgia, distretto n.4
Durata mandato 3 gennaio 1997 - 3 gennaio 2003
Predecessore John Linder
Successore Denise Majette

Durata mandato 3 gennaio 2005 - 3 gennaio 2007
Predecessore Denise Majette
Successore Hank Johnson

Dati generali
Partito politico Democratico (1986-2007)
Partito Verde (2007-presente)

Cynthia Ann McKinney (Atlanta, 17 marzo 1955) è una politica e insegnante statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cattolica ed esperta di legge e relazioni internazionali, Cynthia McKinney è figlia dell'uomo politico Billy McKinney, ex segretario di stato in Georgia. Fu proprio quest'ultimo che la convinse a candidarsi nel 1986 come deputata statale nonostante risiedesse in Giamaica: ottenne il 40% dei voti e non fu eletta. Maggior fortuna ebbe invece la candidatura di due anni dopo.

Nel 1992 venne eletta con il Partito Democratico rappresentante della Georgia al Congresso degli Stati Uniti d'America con il 73% dei voti. Confermò il seggio nel 1994 (66% dei consensi), nel 1996 (58%), 1998 (60,9%) e nel 2000 (61%); nel 2002 invece venne sconfitta nelle primarie dal giudice Denise Majette, che venne eletta al suo posto.

Al Congresso si distinse come una fervente pacifista: da parlamentare si oppose ad esempio alla guerra del Golfo. Nel 2004 tornò al Congresso con il 64% delle preferenze e chiese l'impeachment nei confronti di George W. Bush, Dick Cheney e Condoleezza Rice.

Nel 2006 si svolsero le primarie nel Partito Democratico inerenti al candidato da presentare al Congresso come rappresentante del 4º distretto della Georgia: la McKinney vinse, ma ottenne meno del 50% dei voti ed il candidato Hank Johnson, arrivato alle sue spalle, non sentì l'obbligo di ritirarsi. Nelle consultazioni vere e proprie Johnson prevalse nettamente sulla McKinney (59% a 41%).

Poco dopo questa sconfitta la McKinney annunciò la sua adesione al Partito dei Verdi e partecipò alle primarie per decidere il candidato dei greens nella corsa alla Casa Bianca nel 2008. Dopo essere stata eletta candidata del partito Verde partecipò alle elezioni del presidente degli stati uniti, prendendo lo 0,12% delle preferenze.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2096921 · ISNI (EN0000 0000 5206 666X · LCCN (ENno99021030 · GND (DE1028168438 · WorldCat Identities (ENno99-021030