Cristoforo da Soldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cristoforo da Soldo (Brescia, 1397 circa – Brescia, 21 agosto 1470) è stato uno storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu erede e membro della famiglia di estrazione patrizia[1] che portava storicamente il cognome da Soldo[2]. La famiglia, forse originaria dal contado bergamasco[3], di nobile ascendenza, era presente nell'estimo del 1434[1], presso la parrocchia di San Giovanni di Brescia, con i fratelli Giacomo e Carlo Soldo, apparentemente non legati da rapporti parentali al cronista Cristoforo nella documentazione bresciana[3].

Dal 1427 Cristoforo da Soldo godette di un ruolo preminente nel Comune di Brescia, poiché era nominato tra i membri del Maggiore Consiglio[3].

Ricoprì l’ufficio di massaro alle Custodie notturne[1][3] e tenne un registro di cittadini notevoli operanti nelle guardie notturne di porte e mura civiche, dov'erano annotate anche le somme dovute dai Bresciani[3]. Al tempo delle tensioni espansionistiche della famiglia milanese dei Visconti su Brescia, una città in preda ai primi attacchi e quindi poi sottomessa dall'assedio sotto il comando di Niccolò Piccinino, Soldo fu incaricato più volte ufficiale delle Custodie dagli Anziani di Brescia dal 1438 al 1448[3], conservando le mansioni di massaro[4]. Inoltre, nel 1442 fu nominato rationator Communis, alto ufficio dell’amministrazione comunale[3]. Fu eletto "savio di guerra" negli anni 1447, 1450 e 1452[3].

Nel 1466 fu responsabile dei lavori di ricostruzione delle mura di Brescia, accanto ad altri incarichi pubblici nei successivi anni 1467 e 1468[3]. Nel 1468 si occupò dell'incarico di conservatore del Registro della Città, contemporaneamente assieme alle nomine di deputato alla sanità pubblica e tassatore dei salari[3].

Morì a Brescia il 21 agosto del 1470: la data è stata scoperta attraverso lo studio di ricerca delle provvisioni del Consiglio cittadino[3].

Opera[modifica | modifica wikitesto]

L'opera principale composta da Soldo è un'accurata "Cronaca", scritta in volgare, che ripercorse gli anni dal 1437 al 1468, dal titolo a stampa Annales Brixiani ab Anno 1434 usque ad Annum 1468 Italica lingua conscripti[3].

L’edizione manoscritta originale non è stata conservata[3], tuttavia sono state tramandate numerose copie[5], come quella del trascrittore Gabriele Faita "il giovane", presente oggi a Brescia, nella Biblioteca Queriniana, codice di registrazione « C I 13 »[6]. In un primo momento, all'epoca di Soldo, pare sia stata diffusa una versione più sintetica degli Annales, prendendo in analisi l'edizione manoscritta « Venezia, Biblioteca Queriniana, A IV 1»[3]: successivamente, sia l'autore che altri trascrittori avrebbero ripreso il testo, integrandolo con nuovi contributi[3].

Si sa che la sua relazione storica venne in seguito continuata da Iacopo Melga, un notaio bresciano, sino al 1487[3].

Annales Brixiani[modifica | modifica wikitesto]

La cronaca degli Annales Brixiani inizia con la cronistoria degli assalti che il Comune di Brescia all'interno di un contesto ampio – per tre secoli Brescia fece parte dei domini della repubblica di Venezia, forza contrapposta al Ducato di Milano. Senza tralasciare le vicende delle altre regioni dell’Italia padana, segue gli orizzonti di personaggi noti, da Francesco Sforza a Erasmo Gattamelata, da Papa Eugenio IV a Filippo Maria Visconti, a Vitaliano Furlani di Cividale, mentre si leggono i nomi di numerosi toponimi, dilungandosi nel racconto dell’assedio di Brescia, a partire dal 1437, per iniziativa di Niccolò Piccinino, accompagnato dalle milizie viscontee. Si interessa sia della vittoria dei veneziani a Monte di Brianza retta da Micheletto Attendolo, sia della sconfitta dei veneziani alla battaglia di Caravaggio.

L'autore non si lascia sfuggire neppure l'occasione di ricordare di avere contribuito a proprie spese al sovvenzionamento della fondazione di un ospedale a Brescia[3]. Fa cenni al giubileo del 1450, mentre nella data del febbraio del 1451 Soldo fu testimone oculare del soggiorno di una settimana di Giovanni da Capestrano a Brescia, a qualche anno di distanza dalla caduta di Costantinopoli di Maometto II nel 1453, denominato il «gran Turco».

Il racconto termina con il periodo di successione di Francesco I Sforza e la morte della moglie Bianca Maria Visconti nel 1468[3].

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • La Cronaca di Cristoforo da Soldo, a cura di Giuseppe Brizzolara, in Rerum Italicarum Scriptores (ser. II), Tomo XXI, parte III, fascicolo 2, Bologna, Zanichelli, 1938. Volume pubblicato sotto la direzione di Giosuè Carducci, Vittorio Fiorini, Pietro Fedele in una nuova edizione riveduta, ampliata e corretta (poi riedito ancora nel 1978: Cristoforo Soldo, Memoria delle guerre contro la Signoria di Venezia dal 1437 al 1468, in Muratori, RIS XXI, ed. a cura di G. Brizzolara, fasc. I-II-III, Bologna, 1978) (on-line)

Edizioni in linea[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Gian Paolo Agliardi, Famiglia Soldo, in Enciclopedia delle Famiglie Lombarde, coordinatore Ottavio de Carli, Società storica lombarda, 2016-2020. Cita per intero la voce presente nell'opera di Vittorio Spreti.
  2. ^ Tutta la famiglia dovette mutare probabilmente il cognome in Soldo.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r "SOLDO, Cristoforo da" in "Dizionario Biografico degli Italiani" - Volume 93 (2018), Enciclopedia Treccani.it
  4. ^ Così lo storico ricorda in un breve cenno nei suoi" Annales": «Mi Christophoro de Soldo, chi scrisse questa Chronica, la qual è tutta quanta veritade, fui deputado Officiale generale sopra tutte le Guarde; come fui anchora in lo assedio del 1438» (p. 87, 5-7).
  5. ^ Si è verificato in vari studi che a volte taluni testi presentano una certa inflessione lombarda, in altri casi invece si notano particolarità riconducibili al veneziano. Come avverte M. Zabbia. nella sua ricostruzione biografica di Soldo per la Treccani nel 2018.
  6. ^ Cfr. Simone Signaroli, Maestri e tipografi a Brescia: 1471-1519: l'impresa editoriale dei Britannici fra istituzioni civili e cultura umanistica nell'occidente della Serenissima, prefazione di Luciano Gargan; indici a cura di Enrico Valseriati, Travagliato (Brescia), Torre d'Ercole, 2009, p. 17, nota 57. ISBN 978-88-96755-00-6

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88857370 · ISNI (EN0000 0000 7979 2258 · CERL cnp02046981 · GND (DE101401140X · WorldCat Identities (ENviaf-88857370