Concerto per pianoforte e orchestra n. 22 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Concerto per pianoforte e orchestra n. 22
Compositore W. A. Mozart
Tonalità Mi bemolle maggiore
Tipo di composizione Concerto
Numero d'opera K 482
Epoca di composizione Vienna, 16 dicembre 1785
Prima esecuzione Burgtheater di Vienna, 23 dicembre 1785
Pubblicazione André, Offenbach 1800
Durata media 40 minuti
Organico

pianoforte (solo), flauto, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani, archi: violini primi e secondi, viole, violoncelli, contrabbassi

Movimenti
  • Allegro
  • Andante
  • Allegro, andantino cantabile, tempo primo

Il concerto per pianoforte e orchestra n. 22 in Mi bemolle maggiore K 482 fu composto da W. A. Mozart a Vienna sul finire del 1785 destinato ad un organico di tutto rilievo.

Nel primo tempo (allegro) non ci scostiamo da una coloritura brillante che non porta nulla di nuovo rispetto ai precedenti concerti.
Nell'andante, una serie di stupende variazioni su un tema in Do minore, dà luogo ad un intimo colloquio tra il pianoforte e i singoli strumenti.
Nella parte centrale del tema conclusivo (allegro) troviamo un andantino cantabile che interrompe le rapide e brillanti evoluzioni dello strumento solista presenti all'inizio e nella ripresa del tema iniziale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica