Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Concerto per pianoforte e orchestra n. 23
K488 beginning.png
Inizio del concerto
CompositoreWolfgang Amadeus Mozart
TonalitàLa maggiore
Tipo di composizioneConcerto
Numero d'operaCatalogo Köchel: K 488
Epoca di composizioneTerminato a Vienna il 2 marzo 1786
Prima esecuzioneBurgtheater di Vienna, 3 aprile 1786, dallo stesso Mozart, in qualità sia di pianista che di direttore d'orchestra
PubblicazioneAndré, Offenbach 1800
AutografoBibliothèque nationale de France, Parigi

Del concerto rimane la cadenza originale di Mozart per il primo movimento

Durata media27 minuti
Organicopianoforte (solo), flauto, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, archi
Movimenti
  • Allegro (4/4, La maggiore)
  • Adagio (6/8, Fa diesis minore)
  • Allegro assai (2/2, La maggiore)

Il Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 in La maggiore K 488 di Wolfgang Amadeus Mozart fu composto per una serata pubblica delle Accademie Viennesi per la stagiione di Quaresima del 1786, assieme al Concerto n. 24 in Do minore K 491.

Contende al Concerto K 466 la palma del più eseguito tra i concerti di Mozart e appartiene alle opere di rilevante importanza dell'autore[1]

A differenza dei concerti immediatamente precedenti, si contraddistingue per il carattere più contenuto, sia dal punto di vista dell'espressione virtuosistica (meno spinta rispetto ai concerti precedenti), sia da quello della ricchezza strumentale: l'organico, infatti, si limita solamente agli archi, flauti, clarinetti, fagotti e corni.
L'Allegro iniziale presenta un ampio sviluppo e una cadenza scritta dallo stesso Mozart; il secondo movimento, Adagio, propone un momento di alto lirismo melodico, dall'ampio fraseggio; il Presto che chiude l'opera è introdotto dal pianoforte ed è un brano dalle connotazioni sostenute.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Beniamino Dal Fabbro, Mozart. La vita. Scritti e appunti 1945-1975, Feltrinelli, Milano, 1975

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Minardi, Gian Paolo. I Concerti per pianoforte e orchestra di Mozart, Pordenone, Studio Tesi, 1990 ISBN 88-7692-245-8
  • Rattalino, Piero. Il concerto per pianoforte e orchestra, Firenze, Giunti Ricordi, 1988 ISBN 88-09-20117-5

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN217005284 · LCCN (ENn81133530 · GND (DE300109008 · BNF (FRcb13915219h (data) · NLA (EN35321483
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica