Comunità montana Valle di Mosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Comunità Montana Valle di Mosso)
Jump to navigation Jump to search
Comunità montana Valle di Mosso
comunità montana
Comunità montana Valle di Mosso – Veduta
La vecchia Casa del Popolo di Crocemosso, per un certo tempo anche sede della comunità montana
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Biella-Stemma.svg Biella
Amministrazione
Data di soppressione2009
Territorio
Coordinate45°33′N 8°06′E / 45.55°N 8.1°E45.55; 8.1 (Comunità montana Valle di Mosso)Coordinate: 45°33′N 8°06′E / 45.55°N 8.1°E45.55; 8.1 (Comunità montana Valle di Mosso)
Superficie13 438 km²
Abitanti20 000
Densità1,49 ab./km²
ComuniBioglio, Callabiana, Camandona, Mosso con Pistolesa, Pettinengo, Selve Marcone, Soprana, Trivero, Vallanzengo, Valle Mosso, Valle San Nicolao, Veglio
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Comunità montana Valle di Mosso
Comunità montana Valle di Mosso
Sito istituzionale

La Comunità montana Valle di Mosso è una ex comunità montana del Piemonte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La comunità montana si sviluppava all'interno della Valle di Mosso, nel territorio delle Prealpi biellesi. Aveva sede a Crocemosso.[1] Ha cessato di esistere il 31 dicembre 2009 per effetto del decreto n. 70 del 28 agosto 2009 del Presidente della Giunta Regionale del Piemonte che ha costituito la nuova Comunità montana Val Sessera, Valle di Mosso e Prealpi Biellesi.[2]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Facevano parte della comunità montana i comuni di Bioglio, Callabiana, Camandona, Mosso con Pistolesa, Pettinengo, Selve Marcone, Soprana, Trivero, Vallanzengo, Valle Mosso, Valle San Nicolao e Veglio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunità Montana Valle di Mosso - Il territorio, sito ufficiale su www.valledimosso.it[collegamento interrotto] (consultato nell'aprile 2013)
  2. ^ Decreto del Presidente della Giunta Regionale 28 agosto 2009, n. 70, Regione Piemonte - Bollettino ufficiale; on-line su www.regione.piemonte.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]