Colori panarabi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera della Rivolta Araba.

I colori panarabi (bianco, nero, rosso e verde) hanno origine nel 1917 dalla bandiera hashemita della Rivolta Araba.[1]

Tali colori non ricorrono uniformemente in tutti gli stendardi. Mancano del verde la bandiera egiziana[2] e quella yemenita:[3] tuttavia, in alcuni casi il verde è rappresentato soltanto da stelle o altri simboli; le stelle in particolare stanno a significare l'appartenenza alla Repubblica Araba Unita che includeva appunto Egitto, Yemen e Siria.[2][3][4] Tutti i colori sono rappresentati nelle bandiere di Emirati Arabi Uniti,[5] Giordania,[6] Iraq,[7] Kuwait,[8] Palestina,[9] Siria,[4] Sahara Occidentale[10] e Sudan.[11]

Bandiere con i colori panarabi[modifica | modifica wikitesto]

Nazioni[modifica | modifica wikitesto]

Entità non riconosciute o parzialmente riconosciute[modifica | modifica wikitesto]

Bandiere storiche con i colori panarabi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia