Codice privato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Codice privato
Codice privato (Francesco Maselli, 1988).png
Ornella Muti in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1988
Durata93 min
Generedrammatico
RegiaFrancesco Maselli
SoggettoFrancesco Maselli
SceneggiaturaFrancesco Maselli
ProduttoreRoberta Cadringher, Aurelio De Laurentiis, Luigi De Laurentiis
Produttore esecutivoMaurizio Amati
Casa di produzioneFilmauro in collaborazione con la Rai Radiotelevisione italiana
Distribuzione in italianoFilmauro
FotografiaLuigi Kuveiller
MontaggioAlessandra Perpignani
MusicheGiovanna Marini
ScenografiaMarco Dentici
CostumiLina Nerli Taviani
TruccoMario Di Salvio
Interpreti e personaggi

Codice privato è un film del 1988 diretto da Francesco Maselli. Unica interprete del film è Ornella Muti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anna è stata appena lasciata dal compagno con il quale convive da alcuni anni. Telefona agli amici comuni per capire il motivo della rottura ma questi si dimostrano reticenti. Scopre il codice di accesso al computer ed ha così modo di scoprire piano piano i pensieri dell'uomo attraverso delle lettere scritte e mai spedite ed anche la vera ragione della rottura. Lei era di umili origini mentre lui un famoso scrittore, quando poco tempo prima la donna viene intervistata dalla televisione lui si rende conto di aver compiuto la sua opera, trasformare la figlia di fruttivendoli in una donna di cultura capace di affrontare molti argomenti con proprietà di linguaggio e cognizione di causa. Scopre inoltre che l'uomo non è all'estero per un viaggio di lavoro ma a casa di amici. Delusa e amareggiata decide di vendicarsi e si appresta a chiamare il figlio del compagno che si trova in una comunità di recupero per leggergli una delle lettere mai spedite nella quale se da un lato ammette di amarlo in quanto figlio, dall'altro lo considera un fallito per le scelte sbagliate che ha fatto.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 13/04/20.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema