Cimitero militare tedesco di Costermano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°34′56″N 10°44′36″E / 45.582222°N 10.743333°E45.582222; 10.743333

Cimitero militare tedesco di Costermano
Cimitero militare Costermano.jpeg
Tipo militare
Confessione religiosa mista
Ubicazione
Stato Italia Italia
Comune Costermano
Costruzione
Periodo costruzione 1956-1967
Mappa di localizzazione

Il cimitero militare tedesco di Costermano si trova in una zona collinare sulla riva orientale del lago di Garda nel comune di Costermano.

In questo cimitero sono raccolte le salme di 22.028 caduti tedeschi e non solo, della seconda guerra mondiale, tratte dai cimiteri di guerra e da altri luoghi di sepoltura dell'Italia settentrionale. Tra i soldati qui inumati vi è Franz Gall, generale di divisione della Wermacht.

Ha suscitato polemiche la presenza nel cimitero di 43 ufficiali delle SS e di circa cinquecento fra sottufficiali e militi della stessa formazione, alcuni dei quali responsabili di gravissimi crimini contro l'umanità. Fra di essi il tristemente celebre Christian Wirth.[1][2] Per tale motivo, nel 2006 il console tedesco a Milano, Axel Hartmannche ha dichiarato che il cimitero vuole essere «un luogo di coscienza e ricordo, ma anche di ammonimento".[3]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

È stato costruito tra il 1956 ed il 1967, anno nel quale venne aperto a maggio al pubblico. È gestito dall'associazione umanitaria tedesca Volksbund Deutsche Kriegsgräberfürsorge e.V. su incarico del Governo federale, che si occupa del rilevamento delle tombe dei caduti germanici all'estero, al loro mantenimento e cura.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del cimitero

Il cimitero è composto da quindici settori adornati con erica, risalenti sulla collina. In questo luogo si trova una grande terrazza, l'ingresso e una cappella, contenente un fossa comune. Fino al 2006 essa conteneva 8 volumi in lastre metalliche che recavano incisi i nomi dei Caduti, poi rimossi. A metà del sentiero che dal monumento porta alla sommità del colle vi è una piccola costruzione che funge durante le ricorrenze religiose da sagrestia. Sulla parte anteriore si trova una carta geografica in ceramica dell'Italia settentrionale che indica le province nelle quali furono precedentemente sepolti i caduti per essere poi traslati a Costermano. L'atrio, i gruppi di tre croci e le lapidi a forma di croce sono in Pietra Simona. Nel punto più elevato del cimitero è posta una croce in ferro alta 8 metri, con vista panoramica verso il lago di Garda.

Criminali nazisti sepolti a Costermano[modifica | modifica wikitesto]

Christian Wirth, "Christian il barbaro"

« La puzza...oh Dio, la puzza. Era ovunque. Wirth non si trovava nel suo ufficio. Ricordo che mi portarono da lui... Stava in piedi su un monticello, vicino alle fosse... le fosse... piene... erano piene. Non posso raccontarle; non centinaia, ma migliaia e migliaia di corpi... oh Dio. Chiesi se potessi andare da lui e loro mi dissero che era furibondo. "Non è prudente andargli vicino." Chiesi qual era il problema. L'uomo con cui parlavo disse che una delle fosse era straripata. Vi avevano messo tanti, troppi corpi, e la putrefazione si era prodotta troppo rapidamente, così che il liquido da sotto aveva spinto i corpi verso l'alto e oltre, e i corpi erano rotolati giù per la collina. Ne vidi alcuni - oh Dio, fu terribile... »

(Franz Stangl, comandante del campo di sterminio di Sobibór, aprile 1942[4])

Tre fra i più efferati criminali nazisti sono collocati a Costermano:[1][2][5]

Sono inoltre presenti numerosi altri criminali con ruoli minori, tanto nell'Olocausto, quanto nelle stragi naziste in Italia. Fra questi:

  • Max Gringers, centro di eutanasia di Hartheim (Aktion T4), campo di sterminio di Belzec[1]
  • Emil Kostenko, partecipante all'Aktion Reinhard[1]
  • Alfred Löffler, lager di Majdanek[1]
  • Karl Pötzinger, centri di eutanasia di Bernburg e Brandenburg; campi di sterminio di Treblinka e Sobibor[1]
  • Karl Richter, centro di eutanasia di Hartheim[1]
  • Hadamar, Sonnenstein; campi di sterminio di Sobibor e Treblinka[1]
  • Christian Schmidt, partecipante all'Aktion Reinhard[1]
  • Erich Schulz, centri di eutanasia di Grafeneck, Hademar, Sonnenstein; campi di sterminio di Sobibor e Treblinka[1]
  • Otto Weiss, campo di sterminio di Sobibor[1]
  • Johann Schwarzenbacher, formalmente non inquadrato nell'Aktion Reinhard, era assegnato al comando delle SS e della polizia di Lublino agli ordini di Odilo Globocnik (comandante dell'Aktion Rheinhard); comandava una compagnia ucraina di «Trawniki» (dal nome del campo dove venivano addestrati), utilizzati come guardie a Treblinka, Belzec, Sobibor. Fu poi a Trieste con Christian Wirth.

Fra i vari nomi dei responsabili delle stragi naziste in Italia, alcuni esempi sono:

Da luogo d'onore a luogo di memoria[modifica | modifica wikitesto]

La presenza di criminali nazisti a Costermano ha suscitato svariate proteste ed interrogazioni parlamentari

Nel 2006 nel corso della cerimonia del "Volkstrauertag" (la seconda domenica d'Avvento) e con il pieno accordo della Volksbund Deutsche Kriegsgräberfürsorge, furono rimossi e riportati in Germania gli Ehrenbücher (libri d'onore) che riportavano in ordine alfabetico i nomi dei sepolti, a cui si rendeva indistintamente omaggio.[5]

In loro sostituzione è stata apposta una targa dove si ricordano i crimini di guerra e i crimini contro l'umanità compiuti dal nazismo. Alcuni pannelli nella sala d'entrata offrono una ricostruzione corretta degli eventi del secondo conflitto mondiale, rammentando i crimini nazisti. Il cimitero di Costermano da quel momento non è più un luogo dove si rende «onore» ai caduti, ma «un luogo di memoria e di ammonimento», che ricorda «che bisogna opporsi nello stato iniziale, quando intolleranza, razzismo o ideologie rendono gli esseri umani deboli per accecamento».[5]

Nell'occasione ci fu una manifestazione di protesta di Forza nuova, che intese ugualmente rendere onore a tutti i caduti.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (IT) Administrator, L'onore perduto di Costermano, su www.marx21.it. URL consultato l'11 giugno 2017.
  2. ^ a b Claudio Grassi, Legislatura 15 Atto di Sindacato Ispettivo n° 2-00057, su www.senato.it, Senato della Repubblica Italiana. URL consultato il 12 giugno 2017.
  3. ^ Senato della Repubblica, Interrogazione parlamentare del 21 febbraio 2007 (PDF), senato.it. URL consultato il 12 giugno 2017.
  4. ^ Sereny, Gitta. Into That Darkness - From Mercy Killing to Mass Murder, Pimlico, London, 1995
  5. ^ a b c d (IT) Administrator, L'onore ritrovato di Costermano, su www.marx21.it. URL consultato il 12 giugno 2017.
  6. ^ (EN) Christian Wirth, in History Learning Site. URL consultato l'11 giugno 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sacrari militari della prima guerra mondiale – Castel Dante di Rovereto ed altri vicini sacrari militari italiani e stranieri , Edito a cura del Ministero della Difesa Commissariato Generale Onoranze Caduti in Guerra, Roma, 1971.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]