Chiesa di Santa Maria Mediatrice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria Mediatrice
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria
OrdineOrdine dei frati minori
Diocesi Roma
ArchitettoGiovanni Muzio
Stile architettonicorazionalista
Inizio costruzione1942
Completamento1950

Coordinate: 41°53′54.07″N 12°26′43.7″E / 41.898352°N 12.445471°E41.898352; 12.445471

La chiesa di Santa Maria Mediatrice è un luogo di culto cattolico della città di Roma, situato nel quartiere Aurelio in via di Santa Maria Mediatrice, sul colle del Gelsomino.[1] La chiesa è annessa alla Curia generalizia dei frati minori francescani, che ne sono i proprietari.

L'edificio è stato costruito su progetto dell'architetto Giovanni Muzio tra il 1942 ed il 1950.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'esterno si presenta in laterizio con elementi in travertino, che inquadrano il portale d'ingresso in un doppio ordine di colonne.[3]

L'interno è composto di due aule separate da un possente arco trionfale in onice apuana che richiama quello in facciata, composto da un doppio ordine di colonne, sotto il quale è posto l'altare maggiore: la prima aula, a pianta ottagonale su base quadrata, è sovrastata da una cupola, e svolge la funzione di navata della chiesa adibita a raccogliere i fedeli che assistono alle celebrazioni religiose; la seconda aula, a pianta rettangolare con soffitto a cassettoni e stalli per i frati, ha funzione di coro per accogliere la comunità dei francescani. Intorno a quest'ultima, si sviluppa un ambulacro (sormontato da un matroneo) lungo il quale vi sono numerosi altari destinati alle celebrazioni private della messa.[4]

L'interno della cupola è rivestito di mosaici, opera di Giorgio Quaroni, Adriano Alessandrini e Ugo Chyurlia, con la raffigurazione della Vergine in trono tra santi, angeli e profeti ed i simboli dei quattro evangelisti. Due gli altari laterali dell'aula ottagonale: in quello di sinistra vi è un altorilievo di Francesco Nagni raffigurante Maria mediatrice tra il Cristo e l'umanità sofferente; nell'altare di destra un'opera di Ivan Mestrovich raffigurante le Stigmate di san Francesco. Nel coro è posto un notevole affresco di Gisberto Ceracchini con l'Apoteosi dell'Ordine minore con, sulla parete di fondo, Maria regina dell'ordine minore. La via Crucis è di Domenico Mastroianni.[5]

Nella chiesa si trova l'organo a canne Mascioni opus 618, costruito nel 1946. Lo strumento è a trasmissione elettrica e la sua consolle, collocata al centro del coro, ha tre tastiere di 61 note ciascuna e pedaliera concavo-radiale di 32 note. Il materiale fonico si articola in due corpi contrapposti, sui matronei laterali del coro.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ C. Ceschi, p. 209.
  2. ^ G. Mezzanotte, p. 83.
  3. ^ G. Mezzanotte, pp. 88-89.
  4. ^ G. Mezzanotte, p. 84.
  5. ^ C. Ceschi, p. 211.
  6. ^ Elenco nuovi, su mascioni-organs.com. URL consultato il 10 gennaio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Piacentini, Una nuova chiesa romana dell'architetto Giovanni Muzio, in Fede e Arte, Città del Vaticano, Tipografia Poliglotta Vaticana, gennaio 1954, pp. 1-10, ISSN 0428-0822 (WC · ACNP).
  • Carlo Ceschi, Le chiese di Roma: dagli inizi del neoclassico al 1961, Bologna, Cappelli, 1963, ISBN non esistente.
  • Gianni Mezzanotte, Giovanni Muzio: architetture francescane, Milano, Eris, 1974, ISBN non esistente.
  • Claudio Rendina, Le chiese di Roma, Roma, Newton & Compton Editori, 2000, ISBN 978-88-541-0931-5.
  • Giorgio Carpaneto, Quartiere XIII. Aurelio, in I quartieri di Roma, Roma, Newton & Compton, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]