Cerussite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pigmento pittorico, vedi Biacca.
Cerussite
Cerusitetsumeb2.jpg
Classificazione Strunz5.AB.15
Formula chimicaPbCO3
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinotrimetrico
Sistema cristallinoortorombico
Parametri di cellaa =5,179Å, b = 8,492Å, c = 6,141Å
Gruppo puntuale2/m 2/m 2/m
Gruppo spazialePmcn
Proprietà fisiche
Densità6,58[1][2] g/cm³
Durezza (Mohs)3-3½[1][2]
Sfaldaturadistinta/buona[2], o distinta[1]
Fratturaconcoide[2] o fragile/concoide[1]
Coloreincolore, bianco, grigio, blu, verde[1][2]
Lucentezzaadamantina[1][2], vitrea[2], resinosa[2], perlacea[2], terroso[2]
Opacitàda trasparente a traslucida[1][2]
Strisciobianco[1][2]
Diffusioneabbastanza raro[3].
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La cerussite è un minerale costituito da carbonato di piombo appartenente al gruppo dell'aragonite.[4][5]

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La cerussite si trova in forma di cristalli tabulari, bipiramidali o prismatici allungati, comunemente geminati.[4][3]. Rare le masse compatte, fibrose, stalattitiche e terrose[3]. Questo minerale è molto pesante e fragile.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

La cerussite è un caratteristico minerale di ossidazione dei giacimenti di piombo, dove deriva dall'alterazione chimica della galena per reazione di questa con l'anidride carbonica contenuta nelle acque circolanti superficiali. Si trova in associazione ad altri minerali di piombo, come sfalerite, galena, piromorfite, smithsonite, anglesite e goethite.[3][4]

Luoghi di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Tra le località più note per la bellezza dei campioni si ricordano: Broken Hill (Australia); Tsumeb (Namibia); Miniera di Monteponi (Sardegna); Flux Mine (Arizona), Weatley Mine (Pennsylvania), Dona Ana (Nuovo Messico) e Leadville negli USA (Colorado),[3][4] Recentemente campioni di eccezionale bellezza sono stati rinvenuti nella Nakhlak Mine (circoscrizione di Anarak, provincia di Nayin, Regione di Esfahan, Iran).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Scheda tecnica del minerale su webmineral.com
  2. ^ a b c d e f g h i j k l Scheda tecnica del minerale su mindat.org
  3. ^ a b c d e Annibale Mottana, Rodolfo Crespi, Giuseppe Liborio, "Minerali e rocce", Mondadori Editore, 1977"
  4. ^ a b c d Ole Johnsen, Guida ai minerali del mondo, Zanichelli editore, 2000, ISBN 88-08-19363-2.
  5. ^ Cerussite, su mindat.org. URL consultato il 30 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia