Cartello di Guadalajara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cartello di Guadalajara
Area di origineGuadalajara, Messico
Periodo1980 - 1989
BossMiguel Ángel Félix Gallardo, Rafael Caro Quintero, Ernesto Fonseca Carrillo
AlleatiCartello di Tijuana
Cartello di Medellín
Cartello di Cali
RivaliCartello del Golfo
AttivitàTraffico di droga
riciclaggio di denaro
traffico di armi
omicidi
contrabbando
sequestro di persona

Il Cartello di Guadalajara è stato un cartello criminale messicano creato, negli anni ottanta, da Miguel Ángel Félix Gallardo, Ernesto Fonseca Carrillo (zio di Amado Carrillo Fuentes, futuro leader del Cartello di Juárez) e Rafael Caro Quintero, con lo scopo di introdurre eroina e marijuana negli Stati Uniti. Tra i primi gruppi di trafficanti di droga messicani a collaborare con le mafie della cocaina colombiana, il cartello di Guadalajara è prosperato grazie al commercio di cocaina

Secondo alcuni scrittori, come Peter Dale Scott, il cartello di Guadalajara prosperò in gran parte perché godette della protezione della DFS, l'agenzia di intelligence messicana, sotto il suo capo Miguel Nazar Haro.[1]

Storia ed eredità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]