Carlotta Cerquetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlotta Cerquetti (Roma, 1965) è una fotografa, sceneggiatrice e regista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista, filmmaker e fotografa, Carlotta Cerquetti studia fotografia allo IED di Roma e prosegue la sua formazione lavorando nello studio del fotografo Hiro, a New York. Come fotografa freelance, collabora con la rivista Epoca e con altre testate italiane e straniere.[1]. Nel 1994 segue un corso di cinema alla New York University. Dal 1995 in poi scrive, dirige e spesso realizza anche le riprese e il montaggio di documentari, cortometraggi e video. Tra i riconoscimenti ricevuti dai suoi lavori, due candidature al David di Donatello e la partecipazione alle Giornate degli Autori di Venezia con il documentario Harry’s Bar (Premio Open 2015, Menzione Speciale Nastri D’Argento, acquistato da Netflix Italia).[senza fonte]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Menzione Speciale Nastri D'Argento 2016 (documentario Harry's Bar)
  • Candidatura al David di Donatello 2016 (documentario Harry's Bar)
  • Premio Open, Giornate degli Autori, Venezia 2015 (documentario Harry's Bar)
  • Premio Rossellini 2012 (documentario Ageroland)
  • Premio Lab80 Napoli Film Festival 2012 (documentario Ageroland)
  • Miglior corto italiano - Capalbio Cinema 1997 (cortometraggio Fuochino)
  • Migliore sceneggiatura - Valdarno Cinema Fedic 1997 (cortometraggio Fuochino)
  • Candidatura al David di Donatello 1997 (cortometraggio Binari)
  • Best European Short - Brussels Film Festival 1996 (cortometraggio Binari)
  • Miglior opera prima - Valdarno Cinema Fedic 1994 (cortometraggio Interno 12)
  • Akman Award - Antalya Film Festival 1994 (cortometraggio Interno 12)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]