Carlo Antonio Manzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le comete, 1665

Carlo Antonio Manzini (talvolta scritto Mangini o Mansini) (Bologna, 5 ottobre 16001677) è stato un astronomo e matematico italiano.

Era un nobile di Bologna.[1] Il suo fratello minore, Luigi Manzini (1604 – 1657), era un teologo e scrittore.[2]

Ammiratore di Galileo, apparteneva all'accademia degli Apatisti di Firenze, ove pronunciò due discorsi sul vuoto.[3]

È intitolato a lui il cratere Manzini sulla Luna.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Antonio Manzini, Comete, Giovanni Battista Ferroni, 1665.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Matt - Carlo Antonio Manzini - Dizionario biografico degli Italiani - Volume 69 (2007) - L'Enciclopedia Italiana Treccani
  2. ^ Autore in particolare de Il Niente, che fu pubblicato a Venezia nel 1634 e suscitò ampie controversie in Italia e Francia.
  3. ^ Gian Luigi Betti - Le vide dans deux discours de Carlo Antonio Manzini, in: E. Festa, V. Jullien et M. Torrini, éd. - Géométrie, atomisme et vide dans l'école de Galilée - ENS Éditions Fontenay/Saint-Cloud - page 156.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN95555262 · ISNI (EN0000 0000 7887 7495 · LCCN (ENno2006023130 · GND (DE13894864X · BAV ADV11019422 · CERL cnp01181001