Carl Ruther

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carl Borromäus Andreas Ruther (Danzica, 1630L'Aquila, 1703) è stato un pittore e religioso tedesco.

Storia di Tobia (1660 circa), olio su tela, 133×165 cm; Ermitage, San Pietroburgo.
Animali selvatici in una gola di montagna, olio su tela, 77×96 cm; Museo nazionale, Stoccolma.
Lotta tra orsi e cani da caccia (1677), olio su tela, 94×125 cm; National Gallery di Slovenia, Lubiana.
Adamo dà il nome agli animali (1686); Speed Art Museum, Louisville

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È citato con differenti versioni del suo nome (Karl Ruthard, Carl Ruthart, Karl Andreas Ruthart, Carl Borromäus Andreas Ruthart), italianizzato in Carlo Borromeo Rutardo; negli ultimi anni della sua vita è noto anche con lo pseudonimo di Frà Andrea.

Nacque nel XVII secolo a Danzica e, prima di arrivare in Italia, visse e operò ad Anversa, Vienna e Ratisbona. Si considerava seguace di Pieter Paul Rubens, di cui aveva studiato attentamente le opere e assimilato i toni caldi delle tinte e la morbidezza degli incarnati. Si distinse inoltre, in un primo tempo, come pittore animalista; nelle sue tele espresse la violenza animalesca dei predatori, in particolare dei grandi felini. Dipinse numerose scene di combattimenti cruenti, tra cani, orsi, leoni e le loro prede, sullo sfondo di una natura aspra e nuda. Era un gusto a quell'epoca assai diffuso, in particolare nei paesi di lingua tedesca. Animalista, per esempio, era il pittore e incisore Johann Elias Ridinger. Carl Ruther lavorò anche in collaborazione con Wilhelm Schubert van Ehrenberg, aggiungendo animali a scene dipinte da Ehrenberg.

Periodo italiano[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda parte della sua vita si spostò in Italia dove dipinse tele a soggetto sacro, tra cui quelle per il coro della chiesa di Sant'Eusebio a Roma.

Giunse quindi all'Aquila rimanendo certamente toccato dal rito della Perdonanza Celestiniana istituita da papa Celestino V nel XIII secolo; si fece monaco celestino col nome di Frà Andrea e trascorse il resto dei suoi giorni nella convento della basilica di Santa Maria di Collemaggio. Qui realizzò quattro grandi tele, posizionate lungo la navata destra e facenti parte del ciclo Vita di Pietro da Morrone: in sequenza, San Pietro Celestino doma le fiere, San Pietro Celestino gioca con la cavezza del somarello, San Pietro Celestino ferma i Mori con l'intervento di un leone e San Pietro Celestino placa i buoi infuriati. I dipinti, condizionati dalla nuova scelta di vita di Ruther, mostrano animali non più selvatici e feroci bensì mansueti e di compagnia.

Appartengono invece al ciclo su San Bernardino da Siena altre due conservate all'Aquila, nel Museo nazionale d'Abruzzo. Nel primo dipinto sono rappresentati, a tavola, Santa Scolastica, San Benedetto e un monaco; un secondo monaco con una monaca assistono alla scena. Nel secondo dipinto San Benedetto immerge nello stagno il suo bastone e un contadino gli indica dove cercare la zappa perduta; sullo sfondo si apre un vasto paesaggio, con una montagna isolata e azzurrina che sembra il massiccio del Gran Sasso.

Al Palazzo del Municipio di Chieti si conservano infine altri quattro suoi dipinti con personaggi storici: San Pietro Celestino e Braccio Fortebraccio da Montone, Assedio ai castelli aquilani di Braccio Fortebraccio da Montone, San Benedetto e Carlo d'Angiò e Celestino V appare in sogno a Carlo d'Angiò.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Al Getty Center, Los Angeles:
    • Ulisse nel palazzo di Circe, 1667.[1]
  • Al Museo nazionale d'Abruzzo, L'Aquila:[2]
    • Lepre, olio su tela, 53x86 cm
    • Pellicano[3]
    • San Benedetto e Santa Scolastica sorpresi dal temporale, olio su tela, 78x98 cm
    • San Benedetto recupera la zappa nella palude, olio su tela, 79x98 cm

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dipinto in collaborazione con Wilhelm Schubert van Ehrenberg. Olio su tela, 88.9×121.6 cm, firma e data: W.S. van / Ehrenberg, fec. / 1667.
  2. ^ Carl Ruther, Museo Nazionale d'Abruzzo. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  3. ^ Esposto alla mostra Oltre Caravaggio: Lucia Arbace (a cura di), Oltre Caravaggio: pittura del Seicento in Abruzzo, tra Roma e Napoli: Lanciano, Polo museale di Santo Spirito, 4 maggio-21 luglio 2013: Sulmona, Abbazia di Santo Spirito al Morrone, 30 luglio-30 settembre 2013, Rocca S. Giovanni, Botolini, 2013, SBN IT\ICCU\TER\0037924.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Moretti, Museo nazionale d'Abruzzo nel castello cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila, L. U. Japadre, 1968, SBN IT\ICCU\SBL\0101911.
  • (DE) Ulrich Thieme - Felix Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Kunstler von der Antike bis zur Gegenwart. vol. 29, Leipzig, E. A. Seeman, SBN IT\ICCU\MIL\0324190.
  • (FR) Bénézit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs de tous les temps et de tous les pays. vol. XII, Paris, Gründ, 1999, SBN IT\ICCU\VEA\0108356.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN67266123 · ISNI (EN0000 0000 6631 5890 · GND (DE118996444 · ULAN (EN500009631 · BAV ADV10655172 · CERL cnp00544459