Johann Elias Ridinger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Johann Elias Ridinger (Ulma, 16 febbraio 1698Augusta (Germania), 10 aprile 1767) è stato un incisore, pittore ed editore tedesco.

Johann Elias Ridinger - Autoritratto, 1750 circa[1]
Johann Elias Ridinger - L'orso e la leonessa di montagna

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Noto in particolare come incisore, Johann Elias Ridinger rappresentava animali (cani, cavalli e leoni) e scene di caccia, disegnate in un crudo verismo. Si stabilì verso il 1718 ad Augusta, in Germania, e nel 1759 fu nominato direttore della locale Accademia d'arte. Disegnava con grande cura le immagini che poi incideva all'acquaforte, a mezzatinta o a bulino. Pubblicò raccolte di sue incisioni, contenenti soggetti da lui preferiti: i cani e la cacciagione. L'immagine del Bullenbeisser - un cane analogo al bulldog, ma con manto tigrato - è presente nelle scene da lui incise. Suo figlio Martin Elias Ridinger (1730?-1780) è stato incisore.

Incisioni in raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Johann Elias Ridinger, Vorstellung und Beschreibung derer Schul und Campagne Pferden nach ihren Lectionen, in was vor gelegenheiten solche konnen gebraucht werden. Heraus gegeben von Johann Elias Ridinger, Augspurg, 1760, SBN IT\ICCU\BIAE\001380.

Altre incisioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Paradiso o la Creazione e la caduta dell'uomo, 50,7x66 cm

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mezztinta, 39,7×26,6 cm. L'artista ha rappresentato se stesso riflesso in un specchio ovale. Seduto, ha in mano i pennelli e la tavolozza. Ai suoi piedi siede un cane da caccia e due prede giaciono riverse in terra: un cervo e un cinghiale. Un falcone incappucciato sta sopra una roccia che porta questa scritta: IOH. ELIAS RIDINGER / Pictor et Scalptor Augustanus / solertissimus Naturae Indag[ator] / ejusque in Animalium praeser[tim] / Delineatione Æmulator / felicissimus / natus Vlmae Suevorum / d. XVI. Febr. A.S. MDCXCVIII / Ars Artifici[s] Amic[us].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Georg August Wilhelm hienemann, Leben und Wirken der unvergleichlichen Thiermalers und Kupferstechers Johann Elias Ridinger, mit dem ausführlichen Verzeichniss seiner Kupferstiche, Schwarzkunstblätter und der von him hinterlassenen grossen Sammlung von Handzeichnungen, Amsterdam, Israel, 1962, SBN IT\ICCU\SBL\0185640. Ristampa anastatica dell'edizione Leipzig, 1856.
  • (DE) Bruno Bushart (a cura di), Johann Elias Ridinger, 1698-1767: Stadtische Kunstsammlungen Ausburg, Augsburg, J.P. Himmer, 1967, SBN IT\ICCU\UBO\1560459.
  • (FR) Johann Elias Ridinger, in Dictionnaire de la peinture, Larousse, 2003, ISBN 9782035053909.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5723487 · ISNI (EN0000 0001 1589 3161 · LCCN (ENn82072909 · GND (DE118600621 · BNF (FRcb12045260w (data) · ULAN (EN500000723 · CERL cnp00396283