Canis lupus filchneri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Canis lupus laniger)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lupo grigio tibetano
Tibetan Wolf By Stanzin (Stakpa) cropped.jpg
Lupo tibetano in Qiangtang
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Canidae
Genere Canis
Specie C. lupus
Sottospecie C. l. filchneri
Nomenclatura trinomiale
Canis lupus filchneri
Wozencraft[1], 2005
Sinonimi

Il lupo grigio tibetano (Canis lupus filchneri) è una sottospecie di lupo grigio indigena della Cina (regioni di Gansu e Qinghai), dell'altopiano tibetano, dell'India settentrionale (regione di Ladakh, distretto di Lahaul e Spiti) e, nel Nepal, dei distretti di Mustang e di Ḍolpā. Viene talvolta identificata col suo nome trinomiale obsoleto C. l. laniger o incorrettamente come C. l. chanco (che invece identifica il lupo della Mongolia).

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

I lupi del Tibet furono inizialmente descritti dallo zoologo britannico Brian Houghton Hodgson nel 1847 sotto il nome trinomiale C. l. laniger.[3] Nel 1907 lo zoologo tedesco Paul Matschie descrisse un esemplare tipo di lupo che viveva nelle regioni di Gansu e di Qinghai in Cina e che nominò C. filchneri.[2] Wilhelm Filchner era l'esploratore tedesco che capeggiò la spedizione nel Tibet nel 1903-1905,[4] e il nome di questo lupo fu scelto in suo onore. Nella terza edizione di Mammal Species of the World (MWS3), pubblicata nel 2005, sia C. l. filchneri che C. l. laniger furono considerati sinonimi di C. lupus.[1]

C'è confusione riguardo la tassonomia del lupo tibetano. Nel 1941, Pocock parlò del lupo tibetano come C. l. laniger, classificandolo come sinonimo di C. l. chanco.[5] MSW3 però lo classificò come sinonimo di C. l. filchneri.[1] Ci sono ancora ricercatori che continuano a seguire Pocock nell'includere il lupo tibetano in C. l. chanco, causando confusione tassonomica. La NCBI/Genbank classifica C. l. chanco[6] come il lupo della Mongolia, separandolo da C. l. laniger[7], ma ci sono anche opere academiche che classificano il lupo della Mongolia come C. l. chanco.[8][9][10][11]

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2010 e il 2016 alcuni studi sul genoma mitocondriale di cani, lupi grigi e coyote dimostrarono che il lupo del Tibet rappresenta una linea filogeneticamente indipendente di lupi grigi, separata dalla stirpe di lupi che diedero origine al cane, ma più derivata di quelli del lupo indiano e del lupo dell'Himalaya. Gli stessi studi dimostrarono inoltre che il lupo tibetano subì un collo di bottiglia nel passato, probabilmente dovuto alla glaciazione durante l'ultimo massimo glaciale. Sequenze di DNA mitocondriale del lupo tibetano rinvenute in lupi presente nell'Himalaya e nella Mongolia indicando che essi avessero un'antenata materna comune e un areale preistoricamente più vasto.[12] [9][13][14][15]

Lupo dell'Himalaya[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Canis himalayensis.
Lupo dell'Himalaya[16] fotografato presso Distretto del Mustang, Nepal

Il lupo dell'Himalaya è un clade proposto per il lupo tibetano e che avrebbe un DNA mitocondriale ancestrale rispetto agli altri lupi, incluso quello tibetano.[17][18] Questa interpretazione è però controversa.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c AA.VV., [url=https://books.google.com/books?id=JgAMbNSt8ikC&pg=PA576 Mammal Species of the World: A Taxonomic and Geographic Reference], vol. 2, pp. 575–577, 14000751.
  2. ^ a b lupus filchneri Matschie. Wiss Ergebn Exped. Filchner mach China u. Tibet, 10 1, p153. Si-ning to the east from Kukunor (Siningfu, Kansu, China)
  3. ^ a b Description of the wild ass and wolf of Tibet. Hodgson BH. (1847) Calcutta Journal of Natural History 7: 469–477
  4. ^ Wissenschaftliche Ergebnisse Der Expedition Filchner Nach China Und Tibet Band.4 (1903-1905). di Filchner, Wilhelm. Pubblicato nel 1913
  5. ^ Pocock, R. I. (1941). Canis lupus chanco pagine 86–90 in: Fauna of British India: Mammals Volume 2. Taylor and Francis, London
  6. ^ Canis lupus chanco, su ncbi.nlm.nih.gov.
  7. ^ Canis lupus laniger, su ncbi.nlm.nih.gov.
  8. ^ L Chen, HH Zhang, JZ Ma, The mitochondrial genome of the Mongolian wolf Canis lupus chanco and a phylogenetic analysis of Canis. Acta Ecologica Sinica, 2010
  9. ^ a b Honghai Zhang e Lei Chen, The complete mitochondrial genome of dhole Cuon alpinus: Phylogenetic analysis and dating evolutionary divergence within canidae, in Molecular Biology Reports, vol. 38, nº 3, 2010, pp. 1651, DOI:10.1007/s11033-010-0276-y, PMID 20859694.
  10. ^ Murray Wrobel (a cura di), Elsevier's Dictionary of Mammals, Elsevier, 2006, pp. 840–857.
  11. ^ Heptner, V.G. and Naumov, N.P. (1998). Mammals of the Soviet Union Vol.II Part 1a, SIRENIA AND CARNIVORA (Sea cows; Wolves and Bears), Science Publishers, Inc. USA., pp. 164-270, ISBN 1-886106-81-9
  12. ^ Yinxia Li, Qifa Li, Xingbo Zhao, Zhuang Xie e Yinxue Xu, Complete sequence of the Tibetan Mastiff mitochondrial genome and its phylogenetic relationship with other Canids (Canis, Canidae), in Animal, vol. 5, nº 1, 2010, pp. 18–25, DOI:10.1017/S1751731110001370, PMID 22440697.
  13. ^ Thalmann, O., Complete Mitochondrial Genomes of Ancient Canids Suggest a European Origin of Domestic Dogs, in Science, vol. 342, nº 6160, AAAS, 2013, pp. 871–874, DOI:10.1126/science.1243650, PMID 24233726.
  14. ^ Chao Zhao, Honghai Zhang, Jin Zhang, Lei Chen, Weilai Sha, Xiufeng Yang e Guangshuai Liu, The complete mitochondrial genome sequence of the Tibetan wolf (Canis lupus laniger), in Mitochondrial DNA, vol. 27, nº 1, 2014, pp. 7–8, DOI:10.3109/19401736.2013.865181, PMID 24438245.
  15. ^ Erik Ersmark, Cornelya F. C. Klütsch, Yvonne L. Chan, Mikkel-Holger S. Sinding, Steven R. Fain, Natalia A. Illarionova, Mattias Oskarsson, Mathias Uhlén, Ya-Ping Zhang, Love Dalén e Peter Savolainen, From the Past to the Present: Wolf Phylogeography and Demographic History Based on the Mitochondrial Control Region, in Frontiers in Ecology and Evolution, vol. 4, 2016, DOI:10.3389/fevo.2016.00134.
  16. ^ Madhu Chetri, Yadvendradev Jhala, Shant Raj Jnawali, Naresh Subedi, Maheshwar Dhakal e Bibek Yumnam, Ancient Himalayan wolf (Canis lupus chanco) lineage in Upper Mustang of the Annapurna Conservation Area, Nepal, in ZooKeys, vol. 582, 21 aprile 2016, pp. 143–156, DOI:10.3897/zookeys.582.5966, PMC 4857050, PMID 27199590.
  17. ^ D. K. Sharma, J. E. Maldonado, Y. V. Jhala e R. C. Fleischer, Ancient wolf lineages in India, in Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, vol. 271, Supplement 3, 2004, pp. S1–S4, DOI:10.1098/rsbl.2003.0071, PMC 1809981, PMID 15101402.
  18. ^ R. K. Aggarwal, T. Kivisild, J. Ramadevi e L. Singh, Mitochondrial DNA coding region sequences support the phylogenetic distinction of two Indian wolf species, in Journal of Zoological Systematics and Evolutionary Research, vol. 45, nº 2, 2007, pp. 163–172, DOI:10.1111/j.1439-0469.2006.00400.x. Note: this is the final, peer-reviewed version of Aggarwal (2003)
  19. ^ S. Shrotriya, S. Lyngdoh e B. Habib, Wolves in Trans-Himalayas: 165 years of taxonomic confusion (PDF), in Current Science, vol. 103, nº 8, 2012. URL consultato il 27 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi