Bructeri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il popolo dei Bructeri si trovava ad est della foce del fiume Reno attorno al 50, durante l'Impero di Claudio.

I Bructeri erano una tribù germanica che, tra il 100 a.C. e il 350 d.C., erano stanziati nella Germania nord-occidentale (Soester Börde), tra i fiumi Lippe e Ems a sud della foresta di Teutoburgo, oggi nella Renania Settentrionale-Vestfalia.

Si allearono coi Cherusci, i Marsi e i Catti, sotto il comando di Arminio, sconfiggendo nel 9 a.C. le legioni romane guidate da Publio Quintilio Varo nella battaglia di Teutoburgo. Sei anni dopo, uno dei generali comandati da Germanico, Lucio Stertinio, sconfisse i bructeri e devastò le loro terre. Nel 69/70 d.C. parteciparono alla rivolta dei Batavi, ispirata dalla bructer Velleda, poi catturata dai Romani.

Alla fine, i Bructeri furono assorbiti dai Franchi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]