Nuitoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nuitoni
Germani secondo PLINIO 78 e TACITO 98 AD.png
Il popolo dei Nuitoni si trovava a nord-est della foce del fiume Elba (Albis), attorno al 98, al tempo dello storico Tacito che scrisse De origine et situ Germanorum
 
Sottogruppisecondo Tacito potrebbe far parte del gruppo delle tribù suebiche[1]
LinguaLingue germaniche
Distribuzione
Germania Magna

I Nuitoni furono una delle tribù germaniche dedite al culto di Nerthus, citate da Tacito nel De origine actibusque Getarum. Schütte[2] afferma che il nome probabilmente è errato, ed ipotizza che con il termine Nuitoni si intendessero in realtà i Teutoni o gli Eutioni (Juti).

(LA)

«Reudigni deinde et Aviones et Anglii et Varini et Eudoses et Suardones et Nuithones. Nec quicquam notabile in singulis, nisi quod in commune Nerthum, id est Terram matrem, colunt eamque intervenire rebus hominum, invehi populis arbitrantur. ...»

(IT)

«Seguono in ordine i Reudigni, e gli Avioni, e gli Angli, ed i Varni, ed i Sedusi, ed i Suardoni, ed i Nuitoni; tutti difesi da fiumi e foreste. In nessuna di queste nazioni successe nulla di importante, a parte il fatto che condividevano il culto di Herthum (Nerthus); ovvero della Madre Terra»

(Tacito, De origine et situ Germanorum, XL, 1.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tacito, De origine et situ Germanorum, XLI, 1.
  2. ^ Origine del nome, su northvegr.org. URL consultato il 5 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2005).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Germani Portale Germani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germani