Brendon Ayanbadejo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brendon Ayanbadejo
Brendon Ayanbadejo MT Stadium 2012 Practice.jpg
Ayanbadejo nel 2012.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 102 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Linebacker
Carriera
Giovanili
1995-1998 UCLA Bruins
Squadre di club
1999 Atlanta Falcons
2000 Chicago Bears
2000 Winnipeg Blue Bombers
2000 Toronto Argonauts
2001 Baltimore Ravens
2001 Amsterdam Admirals
2002 BC Lions
2003-2004 Miami Dolphins
2005-2007 Chicago Bears
2008-2012 Baltimore Ravens
Statistiche aggiornate al 04/04/2013

Oladele Brendon Ayanbadejo (Chicago, 6 settembre 1976) è un ex giocatore di football americano statunitense che ha giocato nel ruolo di linebacker nella National Football League (NFL) e nella Canadian Football League (CFL). Al college ha giocato a football a UCLA.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Ayanbadejo inizialmente firmò con gli Atlanta Falcons della National Football League dopo non essere stato scelto nel draft il 23 aprile 1999. Fu membro delle squadre di allenamento di Falcons e Chicago Bears prima di passare ai Winnipeg Blue Bombers della Canadian Football League nel 2000, passando nel corso della stessa stagione ai Toronto Argonauts. Nella stagione 2001 giocò con gli Amsterdam Admirals della NFL Europe mentre nel 2002 fu coi BC Lions della CFL. Nel settembre 2002, la CFL nominò Ayanbadejo difensore del mese dopo aver fatto registrare due intercetti, 6 tackle come membro degli special team, 21 tackle difensivi, un passaggio deviato e 2 fumble recuperati[1].

Ayanbadejo coi Dolphins nel 2003

Miami Dolphins[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 Brendon fece ritorno nella NFL coi Miami Dolphins. L'anno successivo, Ayanbadejo contribuì con una giocata a una delle conclusioni più clamorose della storia del Monday Night Football . Dopo aver subito un sack, il quarterback dei New England Patriots Tom Brady lanciò il pallone. Ayanbadejo lo intercettò e i Dolphins vinsero quella gara per un punto.

Chicago Bears[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2005, Ayanbadejo fu scambiato coi Chicago Bears. Con loro fu convocato per due Pro Bowl consecutivi come membro degli special team nel 2006 e nel 2007.

Ritorno ai Baltimore Ravens[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 marzo 2008, Ayanbadejo firmò un contratto quadriennale del valore di 4,9 milioni di dollari coi Baltimore Ravens, inclusi 1,9 milioni di bonus alla firma. Quell'anno fu convocato per il terzo Pro Bowl consecutivo sempre come membro degli special team. Nel 2009, Ayanbadejo iniziò ad avere un ruolo maggiore nella difesa dei Ravens. Nella settimana 3 contro i Cleveland Browns, Ayanbadejo fece registrare 6 tackle, un sack e un intercetto. Per quella prestazione fu premiato come miglior difensore della AFC della settimana. La settimana successiva contro i Patriots si infortunò a un quadricipite perdendo tutto il resto della stagione.

Il 24 ottobre 2011, in una gara del Monday Night football, Ayanbadejo fu espulso per aver colpito l'offensive lineman dei Jacksonville Jaguars Guy Whimper al volto.

Nella stagione 2012 giocò tutte le 16 gare della stagione regolare incluse 3 da titolare, stabilendo un primato in carriera con 43 tackle, oltre a un sack e un passaggio deviato. I Ravens arrivarono fino al Super Bowl XLVII contro i San Francisco 49ers.

Il 3 aprile 2013 fu svincolato dai Ravens[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Baltimore Ravens: Super Bowl XLVII
Chicago Bears: 2006
Baltimore Ravens: 2012

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2006, 2007, 2008
2006, 2008
  • CFL All-Star: 1
2002

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tackle totali 251
Sack 4,5
Intercetti 2

Statistiche aggiornate al 28 gennaio 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eskimos pair top player of the month honours, CBC News, 3 ottobre 2002. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  2. ^ (EN) Brendon Ayanbadejo to be cut by Baltimore Ravens, NFL.com, 3 aprile 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]