Brad Wanamaker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brad Wanamaker
Bradley Wanamaker.jpg
Wanamaker in riscaldamento con l'uniforme del Limoges
Nome Bradley Daniel Wanamaker jr.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 193 cm
Peso 95 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Squadra Brose Bamberg
Carriera
Giovanili
2003-2007
2007-2011
Philadelphia's Roman Catholic H.S.
Pittsburgh Panthers
Squadre di club
2011 Teramo Basket 7 (53)
2012 Fulgor Libertas Forlì Fulgor L. Forlì 4 (71)
2012 Austin Toros 15 (83)
2012-2013 Limoges CSP 30 (269)
2013-2014 Pistoia Basket 30 (482)
2014- Brose Bamberg
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2014

Bradley Daniel Wanamaker jr., meglio noto come Brad Wanamaker (Filadelfia, 25 luglio 1989), è un cestista statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha disputato 134 incontri in NCAA con la maglia dei Pittsburgh Panthers dal 2007 al 2011.

Scartato da un provino con la Pallacanestro Varese[1], la sua prima esperienza da professionista è stata in Serie A con il Teramo Basket con un contratto a gettone: nel novembre 2011 riporta una lesione all'adduttore destro, ma quasi un mese più tardi fa ritorno negli States, dove si aggrega ad un training camp degli Atlanta Hawks[2].

Nel gennaio 2012 si trasferisce alla Fulgor Libertas Forlì; il 14 febbraio viene però svincolato dalla società.

Viene ingaggiato dal Pistoia Basket per la stagione 2013-2014. Con i colori biancorossi completerà la regular season all'ottavo posto, chiudendo con una valutazione media di 20,0 (16,1 punti, 5,0 assist).

Per la stagione 2014-2015 viene ingaggiato dal Brose Bamberg, squadra con cui vince il campionato tedesco battendo il Bayern Monaco 3-2 nella serie finale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Brose Bamberg: 2014-2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Varese, in prova il play Wanamaker, Corriere dello Sport, 3 settembre 2011.
  2. ^ (EN) NBA Training Camp: Atlanta Hawks Add Former Pitt Star Brad Wanamaker To Camp Roster, sbnation.com, 12 dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]