Bill Koch (sciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bill Koch
Bill Koch Innsbruck 1976 PA-0797 U 8816 II 008 (cropped).jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178 cm
Peso 68 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Squadra Putney Ski Club
Ritirato 1994
Palmarès
Olimpiadi 0 1 0
Mondiali 0 1 1
Coppa del Mondo 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

William Conrad Koch detto Bill (Brattleboro, 7 giugno 1955) è un ex fondista statunitense, vincitore della prima edizione della Coppa del Mondo di sci di fondo nel 1982.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò in campo internazionale in occasione dei Campionati europei juniores di sci nordico 1974 (3°). In Coppa del Mondo fu il primo a introdurre la nuova tecnica libera[1]; esordì il 16 gennaio 1982 a Le Brassus, ottenendo subito la prima vittoria.

In carriera prese parte a quattro edizioni dei Giochi olimpici invernali, Innsbruck 1976 (6° nella 15 km, 2° nella 30 km, 13° nella 50 km, 6° nella staffetta), Lake Placid 1980 (16° nella 15 km, non conclude la 30 km, 13° nella 50 km, 8° nella staffetta), Sarajevo 1984 (27° nella 15 km, 21° nella 30 km, 17° nella 50 km, 8° nella staffetta) e Albertville 1992 (42° nella 30 km), e a due dei Campionati mondiali, vincendo una medaglia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 medaglia, valida anche ai fini iridati:

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 medaglia, oltre a quella conquistata in sede olimpica e valida anche ai fini iridati:

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Nazione Spec.
16 gennaio 1982 Le Brassus Svizzera Svizzera 15 km TC
24 gennaio 1982 Brusson Italia Italia 30 km TC
12 marzo 1982 Falun Svezia Svezia 30 km TC
27 marzo 1982 Castelrotto Italia Italia 15 km TL
12 febbraio 1983 Sarajevo Jugoslavia Jugoslavia 30 km TC

Legenda:
TC = tecnica classica
TL = tecnica libera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda di Giuseppe Ploner su Fonditalia.it, su fondoitalia.it. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  3. ^ Oltre a quello ottenuto in sede iridata e valido anche ai fini della Coppa del Mondo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]