Bandiera della Colombia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandera de Colombia
Bandera de Colombia
Soprannome Tricolor Nacional
Proporzioni 2:3
Simbolo FIAV Bandiera nazionale e bandiera navale di stato
Colori RGB

     (R:252 G:209 B:22)

     (R:0 G:56 B:147)

     (R:206 G:17 B:38)

Uso Bandiera civile e di stato
Adozione 26 novembre 1861
Navale bandiera navale
Bompresso bandiera di bompresso
Presidenziale bandiera presidenziale
Governativa bandiera governativa
Civile bandiera civile
Fotografia
Tomas nestor blanco handball 055.jpg
Una bandiera colombiana al vento a Cartagena.

La bandiera colombiana è un tricolore giallo, blu e rosso a bande orizzontali di proporzioni 2:3. La banda gialla in alto è alta il doppio delle altre due.

Adottata il 26 novembre 1861, deriva dal tricolore di Francisco de Miranda nato nel contesto dell'indipendentismo ispanoamericano e del progetto di una Grande Colombia.[1] Per questo può facilmente confondersi con la bandiera ecuadoriana; meno invece con quella venezuelana, poiché questa ha tre bande di uguali dimensioni. Il simbolismo è incerto,[2] anche se una tradizione vuole che il giallo rappresenti l'oro del continente americano, il blu gli oceani e il rosso il sangue versato nella lotta per l'indipendenza.[3]

Le autorità diplomatiche (ambasciate e consolari), le forze di polizia, hanno la consuetudine di esporre una variante della bandiera di guerra, molto simile alla bandiera presidenziale ma senza la scritta "Libertad y Orden". [4]

variante della bandiera presidenziale
Variante della bandiera presidenziale, in uso presso forze di polizia e attività diplomatiche

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Origine della bandiera colombiana
  2. ^ Origine della bandiera venezuelana
  3. ^ (ES) La bandera del mundo, dal sito della marina colombiana
  4. ^ La bandiera della Colombia usata da Ambasciate e Consolati

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia