Avro 523 Pike

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avro 523 Pike
Descrizione
TipoAereo multiruolo
Equipaggio3, pilota e due mitraglieri
ProgettistaRoy Chadwick
CostruttoreRegno Unito Avro
Data primo volomaggio 1916
Esemplari2
Dimensioni e pesi
Avro523 left.png
Tavole prospettiche
Lunghezza11,92 m (39 ft 1 in)
Apertura alare18,30 m (60 ft 0 in)
Altezza3,56 m (11 ft 8 in)
Superficie alare75,7 (815 ft²)
Peso a vuoto1 814 kg (4 000 lb)
Peso max al decollo2 756 kg (6 064 lb)
Propulsione
Motore2 Sunbeam Nubian
Potenza160 hp (121 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max156 km/h (97 mph)
Velocità di salita2,67 m/s (526 ft/min)
Autonomia7 h
Armamento
Mitragliatrici2 Vickers calibro .30 in (7,7 mm)
Bombe2 da 51 kg (112 lb) alloggiate internamente[1]

i dati sono estratti da Avro Aircraft since 1908[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Avro 523 Pike fu un aereo multiruolo bimotore biplano sviluppato dall'azienda aeronautica britannica A.V. Roe and Company (Avro) negli anni dieci del XX secolo ma che non superò la fase di prototipo.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

L'Avro Type 523 fu concepito per fornire la Royal Naval Air Service di un caccia anti-zeppelin con capacità di ricognitore a lungo raggio nonché con funzione di bombardiere leggero. Il modello era caratterizzato dalla configurazione a velatura biplana e motori in configurazione spingente, fusoliera triposto con il pilota posto al centro e i due artiglieri uno a poppa e uno a prua.

L'Ammiragliato valutò il velivolo, ma alla fine decise di scartarlo e l'Avro realizzò un secondo prototipo, sostituendo gli originali motori 8 cilindri a V con una coppia di Green E.6 a 6 cilindri in linea, identificato dall'azienda come 523A. Nuovamente il velivolo venne proposto all'Ammiragliato, ma questi lo considerò comunque obsoleto e non vi furono altri sviluppi.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

I due Pike furono utilizzati dall'Avro come aerei test per tutta la durata della guerra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mason 1994, p. 56.
  2. ^ Jackson 1990, p. 148.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) World Aircraft Information Files, London, Bright Star Publishing.
  • (EN) A.J. Jackson, Avro Aircraft since 1908, London, Putnam, 1990, ISBN 0-85177-834-8.
  • (EN) Francis K. Mason, The British Bomber since 1912, London, Putnam, 1994, ISBN 0-85177-861-5.
  • Michael J. H. Taylor, Jane's Encyclopedia of Aviation, London, Studio Editions, 1989, p. 93.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]