Arromanches (R 95)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arromanches
ex HMS Colossus
Arromanches (R95) with Hellcat landing c1953.jpg
Un F6F-5 Hellcat in appontaggio sull'Arromanches nel Golfo del Tonchino, 1953
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Civil and Naval Ensign of France.svg
Tipo portaerei leggera
Classe Colossus
In servizio con Civil and Naval Ensign of France.svg Marine nationale
Identificazione R 95 (come Arromanches)
R15 (come Colossus)
Cantiere Vickers-Armstrong
Impostata 01/06/1942
Varata 30/09/1943
Entrata in servizio dicembre del 1944 con la Royal Navy, 6 agosto 1946 con la Marine nationale
Ristrutturata 1957-1958
Nomi precedenti Colossus
Fuori servizio 05/09/1974
Destino finale 1976
Stato demolita
Caratteristiche generali
Dislocamento 17.000 t
Lunghezza 211,25 m
Larghezza 24,50 m
Pescaggio 7,15 m
Ponte di volo 210 x 34m
Propulsione 4 caldaie tipo Admiralty a 3 corpi, tarate a 28 kg surriscaldate a 360°
Turbine ad ingranaggi Parsons, due eliche;
40.000 CV
Velocità 25 nodi
Equipaggio 42 ufficiali, 777 capi, sottocapi e comuni, non compreso il personale del gruppo aereo imbarcato, di circa 200 uomini
Equipaggiamento
Sistemi difensivi 43 cannoni da 40 mm AA (6 pom pom quadrupli Vickers e 19 Bofors su affusto singolo)
Armamento
Mezzi aerei 24 aerei e 1 elicottero o 30 elicotteri:
Note
Soprannome Sapho

[senza fonte]

voci di portaerei presenti su Wikipedia
Golfo del Tonchino, 1951: il ponte di volo della Arromanches; sono visibili 8 Curtiss SB2C-5 Helldiver (Escadrille 3F) e 6 caccia Grumman F6F-5 Hellcat (Escadrille 1F)

L'Arromanches (R 95), già HMS Colossus (R15), era una portaerei leggera di costruzione britannica noleggiata e poi acquistata dalla Francia dopo la fine della seconda guerra mondiale ed utilizzata dalla Marine nationale, la marina militare francese, tra l'agosto del 1946 e il 1974, quando venne radiata e avviata alla demolizione. In Francia fu ribattezzata Arromanches in onore della città di Arromanches-les-Bains, a ricordo dello sbarco in Normandia.

La nave era il prototipo di una serie di nove portaerei classe Colossus. La sua costruzione iniziò il 1º giugno 1942 nei contieri Vickers-Armstrong (Regno Unito). Varata il 30 settembre 1943 entrò in servizio nel dicembre del 1944 nella Royal Navy con il nome HMS Colossus (R15), inquadtata nella Pacific Fleet in cui prestò servizio fino al 1946 senza aver preso parte ad azioni di guerra ed utilizzata per il trasporto di velivoli e per il rimpatrio dei militari inglesi dall'area del Pacifico al termine del conflitto. Al rientro nel Regno Unito venne dapprima ceduta in affitto dalla Marine nationale nel mese di agosto 1946 per un periodo di cinque anni, al termine dei quali nel 1951 venne acquistata dalla Francia.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Acquistata dalla la Royal Navy. Nuova campagna in Indocina, attatti a vie di comunicazione, di trasporto e supporto aereo ravvicinato.

Un ufficio postale ha operato a bordo della nave a bordo dal 1º giugno 1947 al 22 gennaio 1974. Essa ha usato successivamente quattro modelli timbro a data esagonale con tratteggiato con il nome della nave.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Monographie sur le porte-avions Arromanches, Association des Amis du Musée de la Marine, 1956.
  • (FR) René Bail, Jean Moulin, Les Porte-avions Dixmude & Arromanches, Ed. Charles Lavauzelle, 1983.
  • (FR) René Bail, Le Porte-avions Arromanches (ex Colossus), Ed. Charles Lavauzelle, 1983.
  • Gino Galuppini, La portaerei: storia tecnica e immagini dalle origini alla portaerei atomica, Roma, Arnoldo Mondadori Editore, 1979.
  • (FR) Jean Moulin, L'Aéronavale française : les avions embarqués, Marines Éditions, 2006, ISBN 2-915379-43-2.
  • (FR) Alain Pelletier, Les aigles des mers : histoire mondiale des avions embarqués depuis 1910, Boulogne-Billancourt, ETAI, 2006, ISBN 2-7268-9471-2.
  • (FR) Alexandre Sheldon-Duplaix, Histoire mondiale des porte-avions : des origines à nos jours, Boulogne-Billancourt, ETAI, 2006, ISBN 2-7268-8663-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]