Anne Applebaum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anne Elizabeth Applebaum

Anne Elizabeth Applebaum (Washington, 25 luglio 1964) è una giornalista e saggista statunitense naturalizzata polacca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Applebaum è nata nella capitale statunitense da una famiglia ebraica. Laureata a Harvard, dove imparò il russo e studiò la Russia, conseguì un master in Relazioni Internazionali alla London School of Economics. Studiò poi al St. Antony College di Oxford prima di trasferirsi a Varsavia come corrispondente del settimanale The Economist nel 1988. I suoi servizi giornalistici seguiranno le transizioni politiche e sociali nell'Europa Centrale e Orientale, intervenute con la fine del giogo sovietico sull'area europea.

Sposata dal 1992 col politico polacco Radosław Sikorski, ha avuto due figli dal marito: Aleksander e Tadeusz. Ha scritto per molte altre testate giornalistiche: Slate Magazine, The Daily Telegraph e The Sunday Telegraph, The Indipendent, The Evening Standard. Negli anni novanta ha vissuto dividendosi tra Londra e Varsavia. Dal 2002 al 2006 è membro del comitato editoriale della Washington Post, del quale è tuttora editorialista.

Il suo primo libro è un diario di viaggio. Nel 2004 vinse il Premio Pulitzer per la saggistica col libro Gulag: A History, una ricerca durata sei anni sul sistema dei gulag sovietici. A proposito di questo saggio, si è così espressa: «Walter Duranty, famoso corrispondente da Mosca per il "New York Times", vinse un Pulitzer per una serie di articoli che descrivevano i grandi successi dello stalinismo. Il mio premio sembra quasi una forma di giustizia storica»[1].

Il terzo libro, The Iron Curtain, è incentrato sul processo totalitario subíto da 8 stati Europei, avvenuto alla fine del conflitto mondiale con l'occupazione militare, parziale o totale, delle Armate sovietiche. I popoli di Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia, Germania Orientale, Romania, Bulgaria, Albania e Jugoslavia si videro privare delle libertà, delle libere associazioni, dei partiti politici, delle Chiese, dei massmedia indipendenti, una volta imposto il controllo da parte dei comunisti. I Regimi comunisti aspirarono al controllo totale della vita degli individui, e la coercizione fu il mezzo praticato, tramite l'organizzazione di potenti apparati di polizie segrete, per praticare il terrore, il monopolio delle informazioni e l'economia pianificata. La dominazione dello Stato prevedeva il bando degli altri partiti politici, delle società private, delle scuole private e delle associazioni giovanili. Molti individui furono costretti con la forza a collaborare, alcuni cercarono di resistere.

Nel 2006 si trasferisce a Varsavia, mentre nel 2013 acquisisce la cittadinanza polacca.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Between East and West: Across the Borderlands of Europe, Pantheon Books, 1994, ISBN 0-679-42150-5.
  • Gulag. Storia dei campi di concentramento sovietici (Gulag: A History, 2003), traduzione di L.A. Della Fontana, Collezione Le Scie, Milano, Mondadori, 2004, ISBN 978-88-04-52651-3.
  • La cortina di ferro. La disfatta dell'Europa dell'Est, 1944-1956 (Iron Curtain: The Crushing of Eastern Europe, 1944-56, 2012), Collezione Le Scie, Milano, Mondadori, 2016, ISBN 978-88-04-66318-8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beppe Severgnini, «Perché parlo di gulag», 16 maggio 2004, Io Donna-Corriere della Sera

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN278339970 · ISNI (EN0000 0001 0786 538X · LCCN (ENn94022322 · GND (DE126244189 · BNF (FRcb150237316 (data)