Anna Maria Torniai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anna Maria Torniai, spesso accreditata come Annamaria Torniai (Firenze, 20 ottobre 1931Milano, 24 febbraio 2011), è stata un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia dell'attrice Pina Cei e del tenore Bruno Torniai, ebbe la sua prima parte ad appena nove anni nel film Sei bambine e il Perseo, (1940) di Giovacchino Forzano, nel ruolo di una delle nipoti del protagonista.

Si diplomò giovanissima all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico di Roma, e lavorò moltissimo in teatro, con Gianfranco De Bosio, Vitaliano Brancati e Peppino De Filippo.

Dopo aver lavorato per moltissimi anni come insegnante di recitazione, si riaffacciò sui grandi schermi solamente quarantadue anni dopo il suo esordio, in ruoli da caratterista, come quello in Amici miei - Atto IIº, (1982), di Mario Monicelli, o quello nella pellicola Ladri di saponette[1], (1989), di Maurizio Nichetti.

È apparsa molto anche in televisione, in serial come Don Matteo, Rex e Caterina e le sue figlie. Al cinema è apparsa per l'ultima volta nel 2008 nel film Grande, grosso e... Verdone, interpretato e diretto da Carlo Verdone, nel ruolo della anziana e remissiva cameriera Olga.

Questo sarà il suo ultimo ruolo; in quel periodo si ammala di sclerosi laterale amiotrofica, patologia che la porta alla morte il 24 febbraio 2011, all'età di 79 anni[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito del Cineclub Gorizia http://www.cineclubgorizia.it/component/content/article?id=1[collegamento interrotto]
  2. ^ Articolo su Unirsi contro la SLA http://unirsicontrolasla.blogspot.it/2011/02/e-morta-ieri-sera-allhospice-antea-di.html

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le attrici, di Enrico Lancia e Roberto Poppi, Ed. Gremese, Roma - 2007 ISBN 888440214X
  • La fabbrica degli attori, di Maurizio Giammusso, pubblicazione della Presidenza del Consiglio - Roma 1989

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]