Angelo Liberati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Angelo Liberati (Frascati, 2 giugno 1946) è un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A Roma nei primi anni sessanta frequenta la Scuola Comunale di Arti Ornamentali e dal 1964 conosce e frequenta lo studio del pittore italo-argentino Silvio Benedetto. Entra in contatto con le esperienze della Pop Art romana[1], frequentando le gallerie romane più importanti in quegli anni: Galleria Due Mondi, Il Fante di Spade, L'Attico, La Nuova Pesa[2].

Nel 1970 si trasferisce in Sardegna, dove porta una ricerca influenzata dalla Nuova Figurazione[1]. A contatto con le neoavanguardie isolane - Galleria Sinibaldi, Il Basilisco (di Francesco Tanda), Arte Duchamp - elabora una poetica che affianca alla componente pittorica il linguaggio della Poesia visiva[2] e le tecniche della Pop art (décollage, collage)[3][4][5][6] e che all'ordine logico sovrappone quello dell'intuizione poetica[7]. Il suo segno grafico è influenzato da Renzo Vespignani[6][8].

Tematiche di impegno civile e di denuncia emergono spesso nei suoi lavori, fin dagli anni sessanta[9], come pure la sensualità del nudo femminile e la scrittura; a queste si aggiungono, a partire dagli anni ottanta, tracce di memorie storiche locali[4][10].

Altra caratteristica ricorrente nella sua produzione pittorica sono i riferimenti iconografici al cinema[11][12] (Fragole e Sangue, 1978-1979[13]; ciclo sul cinema di Luchino Visconti, 2006[14], dipinti dedicati ai film di Michelangelo Antonioni, nel centenario della nascita, 2012[15]) alla musica[16] e alla letteratura ( Dante[17][18], Ariosto[19], Bob Dylan[20]).

Il lavoro di Liberati è stato documentato da diversi cortometraggi e opere di videoartisti (Tonino Casula, 1981; Andrea Frisan, 2003; Gino Melchiorre, 2004, 2005, 2008, 2011, 2012, 2013).

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Opere in collezioni pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

PRINCIPALI MOSTRE PERSONALI: 1968 Frascati, Galleria L.C.R.C.; 1968 Cagliari, Galleria Il Pennellaccio; 1969 Orvieto, Galleria Maitani; 1969 Gorizia, Galleria Teatro Verdi; 1969 Mantova, Galleria Greco; 1972 - Palermo, Galleria IL Sileno; 1972 - Cagliari, Galleria Sinibaldi; 1972 - Camaiore (LU), Galleria Ai Frati; 1972 - Sassari. Galleria Il Cancello; 1973 - Sassari. Il Basilisco Studio d'Arte; 1974 - Palermo, Centro d'Arte Condor; 1976 - Cagliari, Arte Duchamp; 1978 - Nuoro, Galleria Chironi 88; 1978 - Sassari, Il Basilisco Studio d'Arte; 1979 - Milano, Citybank; 1979 - Cagliari, Arte Duchamp; 1979 - Roma, Citybank; 1981 - Stresa, Spazio Alternativo Spazzapan; 1982 - Dego (Savona), Work Area; 1984 - Cagliari, Stamperia l'Aquilone; 1984 - Cagliari, Galleria "13"; 1985 - Cagliari, Galleria La Bacheca; 1985 - Nuoro, Studio d'Arte e Cultura; 1986 - Campobello di Licata. Palazzo Comunale; 1989 - Palermo, Nouveau Centro Culturale Mediterraneo; 1989 - Cagliari, Galleria Comunale d'Arte video; 1993 - Roma, Spazio Arte - Istituto Poligrafico d'Arte Classica e Contemporanea; 1993 - Palermo, Spazio Arte - Istituto Poligrafico d'Arte Classica e Contemporanea; 1994 - Isili, Antico Convento degli Scolopi, Mostra Antologica; 1994 - Ischia. Castello Aragonese; 1997 - Ussana (Ca), Montegranatico Progetto Arte; 1998 - Villanovaforru (Ca), Museo Genna Maria; 1998 - Nuoro, Galleria Comunale d'Arte; 2000 - San Sperate (Ca), Museo del Crudo; 2003 - Villanovaforru (CA) Museo del territorio "Sa Corona Arrubia"; 2004 - Olbia, Galleria Manos Arte Contemporanea; 2004 - Atzara (Nu), Museo d'Arte Moderna e Contemporanea A. Ortiz Echague; 2006 - Cagliari, Cittadella dei Musei, Spazio San Pancrazio; “Angelo Liberati / Luchino Visconti"; 2008 - Cagliari, Laboratorio 168, SECRETUM PATELLAE / Angelo Liberati: opere 1968-2008; 2009 - Porto Cervo, Colonna Pevero Arte, VISIONI SU VISIONI Realismo Pop; 2012 - Cagliari, (IN)VISIBILE, dipinti per IL CANTICO DEI CANTICI; 2012 - Cagliari, Biblioteca Provinciale di Cagliari - Sala Polifunzionale Parco Monte Claro; 2015 - Cagliari Spazio Temporary Storing "Mixed Media"; 2016 - Carbonia - Spazio Ex-Di La Fabbrica del Cinema.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gianni Murtas e Angela Grilletti, Un passo in più, A.D. arte duchamp, 2007
  2. ^ a b Corrado Gizzi, Dante e i fraudolenti, 2012
  3. ^ Renzo Vespignani in Angelo Liberati, Centro Culturale Mediterraneo Nouveau (Palermo, 1989), citato da Giorgio di Genova, Storia dell'arte italiana del '900 - Generazione anni Quaranta (Bora,2007), tomo 1
  4. ^ a b Giorgio di Genova, Storia dell'arte italiana del '900 - Generazione anni Quaranta (Bora,2007), tomo 2
  5. ^ Salvatore Naitza in D'ARS n°92 (1980)
  6. ^ a b Segni d'autore in Sardegna - Grafica contemporanea (Mazzotta, 1988)
  7. ^ Flaminio Gualdoni in D'ARS n°90 (1979)
  8. ^ Liberati, edizioni CUEC, 2001
  9. ^ Giorgio di Genova, Storia dell'arte italiana del '900 - Generazione anni Quaranta (Bora,2007), tomo 1
  10. ^ Memorie del novecento in Sardegna, 12 tavole di Angelo Liberati e testi di Manlio Brigaglia, Calendario ANPPIA, 1999
  11. ^ Giorgio di Genova, Generazioni a confronto, II edizione 2017, Ass. Culturale Artinarte, Roma 2017
  12. ^ Gianni Murtas in "Fotogrammi dipinti", Centro Servizi Culturali Carbonia della Società Umanitaria Carbonia, 2016
  13. ^ Giorgio di Genova, Storia dell'arte italiana del '900 - Generazione anni Quaranta (Bora, 2007)
  14. ^ Angelo Liberati - Luchino Visconti, percorsi di pittura, cinema, architettura, Provincia di Cagliari, 2006
  15. ^ Inquadrature, dipinti di Angelo Liberati dedicati a Michelangelo Antonioni nato 100 anni fa (Biblioteca Provinciale di Cagliari, 2012)]
  16. ^ Catalogo Bolaffi d'Arte Moderna, 1975
  17. ^ Giorgio di Genova in Dante e i Fraudolenti, Fondazione Casa di Dante in Abruzzo - Ianieri edizioni, 2012
  18. ^ Giorgio di Genova in Dante e i Papi nella Divina Commedia, Fondazione Pescarabruzzo - Ianieri edizioni, 2016
  19. ^ Giorgio di Genova, Le donne, i cavalier, l'arme, gli amori e l'arte, Comune di Bomarzo, Ass. Culturale Premio Centro, 2016
  20. ^ Liberati, edizioni CUEC, 2001

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo Bolaffi d'Arte Moderna, 1975
  • D'ARS nº90 (1979)
  • D'ARS nº92 (1980)
  • Segni d'autore in Sardegna - Grafica contemporanea (Mazzotta, 1988). ISBN 978-88-202-0886-8
  • Liberati, Ed. CUEC, Cagliari, 2001
  • Angelo Liberati - Luchino Visconti, percorsi di pittura, cinema, architettura, Provincia di Cagliari, 2006
  • Gianni Murtas e Angela Grilletti, Un passo in più, A.D. arte duchamp, 2007
  • Giorgio di Genova, Storia dell'arte italiana del '900 - Generazione anni Quaranta (editore Bora, 2007). ISBN 88-88600-54-X
  • Corrado Gizzi, Dante e i fraudolenti, Fondazione Casa di Dante in Abruzzo - Ianieri edizioni, 2012
  • AA.VV., Dante e i papi, Fondazione Pescarabruzzo - Ianieri edizioni, 2016

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90107018 · ISNI (EN0000 0003 7459 0755 · SBN IT\ICCU\CAGV\019554 · GND (DE123585988