Ameles spallanzania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mantide nana europea
Ameles spallanziana.jpg
Femmina di Ameles spallanzania
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Polyneoptera
Sezione Blattoidea
Ordine Mantodea
Famiglia Mantidae
Sottofamiglia Amelinae
Tribù Amelini
Genere Ameles
Specie A. spallanzania
Nomenclatura binomiale
Ameles spallanzania
(Rossi, 1792)

La mantide nana europea o mantide di Spallanzani (Ameles spallanzania (Rossi, 1792) ) è una mantide diffusa in Europa e in Nord Africa.

Il nome della specie è un omaggio del suo descrittore, l'entomologo italiano Pietro Rossi, all'amico naturalista Lazzaro Spallanzani.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ninfa di A. spallanzania delle dimensioni di 7/8 mm

È una mantide di piccole dimensioni (1–3 cm) il cui colore va dal verde al marrone al grigio.
La specie presenta un marcato dimorfismo sessuale: il maschio ha due paia di ali che gli consentono di volare mentre nella femmina le ali sono ridotte a vestigia.
Gli occhi sono grossolanamente conici e privi di tubercolo apicale. Le antenne sono piuttosto lunghe.
Il pronoto è corto e squadrato (carattere che consente di differenziarla dalla congenere Ameles decolor che lo ha allungato e sottile). Le zampe raptatorie (primo paio) sono corte e robuste mentre le zampe posteriori (terzo paio), particolarmente grandi e sviluppate.
L'addome della femmina è allargato lateralmente, più ampio di quello del maschio, ed è ripiegato verso l'alto.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È un vorace predatore che si nutre di piccoli insetti e può talora attaccare i suoi simili. A differenza della più comune Mantis religiosa le femmine di questa specie non cannibalizzano il maschio dopo l'accoppiamento.

Può spiccare già dalla nascita balzi di alcuni centimetri grazie alle sue robuste zampe posteriori, i maschi sono anche in grado di volare per brevi distanze.

Depone le uova in ooteche dure al tatto e di colore arancio rosato, molto chiaro, che la femmina attacca ad un angolo protetto di un muro, una roccia, o più spesso fra la vegetazione. Nell'areale più a nord della sua distribuzione, le ooteche deposte in autunno svernano schiudendosi in primavera. In zone più a sud e con climi più miti, queste possono schiudere anche prima della stagione fredda e lo svernamento avviene in fase di neanide.

Ogni ooteca è creata tramite la deposizione di uova inizialmente nude e sistemate vicine una con l'altra su uno stesso supporto, dopodiché ricoperte da uno strato schiumoso isolante secreto dalla femmina. Questo strato si irrigidisce con il passare delle ore, assumendo una caratteristica consistenza che ricorda la schiuma di poliuretano espanso.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È una specie con areale mediterraneo, comune in Europa meridionale ed in Nord Africa. In Italia è presente in tutta la penisola e nelle isole maggiori.

Predilige le zone aride con scarsa vegetazione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi