Abraham Merritt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abraham Grace Merritt

Abraham Grace Merritt, noto con la firma di A. Merritt (Beverly, 20 gennaio 1884Indian Rocks Beach, 21 agosto 1943), è stato un giornalista e scrittore statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Beverly in New Jersey nel 1884, si trasferì a Filadelfia nel 1894. Abbandonò il praticantato come avvocato per dedicarsi al giornalismo, prima come corrispondente e in seguito come direttore. Dal 1912 al 1937 è stato vice-direttore del The American Weekly, per poi diventarne direttore dal 1938 fino alla sua morte.

La sua produzione letteraria fu poco più che un'attività di svago, e ciò spiega il numero basso di sue pubblicazioni. Merritt era uno dei giornalisti più pagati della sua epoca, basti pensare che nel 1919 guadagnava $25.000 all'anno, fino ad arrivare ai $100.000 all'anno sul finire della carriera. Il suo successo economico gli consentì di viaggiare molto, specialmente in Giamaica ed Ecuador, luoghi in cui possedeva delle abitazioni e dove poteva dedicarsi alla coltivazione di piante esotiche, tra cui orchidee e marjuana.

Merritt si sposò due volte: la prima nel 1910 con Eleanore Ratcliffe, insieme alla quale adottò una bambina, la seconda nel 1930 con Eleanor H. Johnson. Nella sua casa di Hollis Park Gardens a Long Island accumulò collezioni di armi, sculture e maschere primitive raccolte durante i suoi viaggi. Inoltre, la sua personale biblioteca di libri dedicati all'occulto contava oltre 5000 volumi.

Morì a causa di un attacco di cuore nel 1943 a Indian Rocks Beach (Florida), dove era solito trascorrere il periodo invernale.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Gli scritti di Merritt erano fortemente influenzati dall'opera di H. Rider Haggard e Gertrude Barrows Bennett (che scriveva dietro lo pseudonimo di Francis Stevens). I racconti di Merritt avevano al centro i temi tipici dei pulp magazine dell'epoca: civiltà perdute, mostruose creature e via discorrendo. I suoi eroi erano sempre valorosi guerrieri irlandesi o scandinavi, i cattivi di turno provenivano spesso dalla Germania e dalla Russia (in accordo con la politica estera americana di quei tempi), mentre i personaggi femminili erano verginali e scarsamente vestiti. Ciò che ha reso Merritt diverso dagli altri autori pulp è stata la sua prosa ricca e la ricerca ossessiva del dettaglio.

Nel 1917 pubblicò il suo primo racconto fantasy, intitolato Through the Dragon Glass. Inoltre contribuì alla stesura del racconto Sfida dall'ignoto (1935) insieme a Howard Phillips Lovecraft, Robert E. Howard, C. L. Moore e Frank Belknap Long.

Romanzi principali[modifica | modifica sorgente]


Reputazione[modifica | modifica sorgente]

Le qualità di Merritt come scrittore non sono ancora del tutto riconosciute né dalla critica né dal pubblico, tuttavia la sua influenza sull'opera di Lovecraft ha contribuito a garantirgli una certa fama. Ancora oggi Merritt non è un autore molto letto, ma i suoi romanzi fantasy ebbero un discreto successo negli anni Venti e Trenta del XX secolo: partendo con The Moon Pool nel 1919, produsse una serie di racconti incentrati su caverne segrete, antiche razze perdute, tecnologie immaginifiche e altre meraviglie.

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

L'opera di Merritt è stata spesso adattata per produzioni cinematografiche e televisive, tra cui:

Le opere di Merritt vengono spesso indirettamente citate anche nella serie televisiva di successo mondiale Lost.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 9850578 LCCN: n50036727