Abies sibirica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Abies sibirica
Abies sibirica HDR.jpg
Abete siberiano
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Abies
Specie ''A. sibirica''
Nomenclatura binomiale
''Abies sibirica''
Ledeb., 1833
Sinonimi
Nomi comuni

(EN) Siberian fir
(RU) Пихта сибирская
(FR) Sapin de Sibérie

Abies sibirica Ledeb., comunemente noto come abete siberiano, è una conifera sempreverde nativa della taiga, a est del fiume Volga e a sud della latitudine 67°40' Nord, nella zona siberiana della Russia (ovest Siberia, Altaj, Amur, Jacuzia, Krasnojarsk, Čita, Buriazia, Tuva, Irkutsk, Chabarovsk) e della regione autonoma dello Xinjiang in Cina. In Kirghizistan è presente con la sottospecie semenovii.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome generico Abies, utilizzato già dai latini, potrebbe, secondo un'interpretazione etimologica, derivare dalla parola greca ἄβιος = longevo.[2] Il nome specifico sibirica si riferisce all'estesa presenza in Siberia.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'abete siberiano raggiunge i 30–35 m di altezza, con un diametro del tronco di 0.5–1 m misurato ad altezza umana, e possiede una chioma di forma conica. La corteccia varia dal grigio-verde al grigio-marrone, e si presenta liscia, con bolle di resina tipiche di molti abeti. Le gemme sono giallo-grigie, resinose, e lievemente pubescenti. Le foglie sono aghiformi, ascendenti, lunghe 2–3 cm e larghe 1.5 mm in media, di colore grigio chiaro nella parte superiore, con due bande stomatiche bianco-grigie inferiormente. Sono morbide, appiattite, e fortemente aromatiche. Le pigne sono cilindriche, lunghe 5–9.5 cm e larghe 2.5–3.5 cm, con piccole brattee nascoste dalle scaglie. Maturano a metà dell'autunno, passando da un colore bluastro al marrone, o marrone scuro. I semi, lunghi 7 mm con parte alata triangolare lunga 0.7–1.3 cm, sono rilasciati quando la pigna va incontro a disfacimento dopo la maturazione.[4][5]


Fioritura abete siberiano. Siberia orientale

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il suo areale occupa buona parte della taiga siberiana, mantenendosi tuttavia ben al di sotto del limite artico della vegetazione arborea, preferendo le zone ad ovest con un clima meno severo, ovvero freddo continentale ma senza eccessi; cresce su suoli di origine alluvionale, podzolici, nelle zone montane anche su quelli calcarei, ben drenati e esenti dal permafrost. Può ritrovarsi in foreste pure ma più spesso miste in associazione con altre conifere come Picea obovata e Larix gmelinii, nelle zone montane anche con Larix sibirica e Pinus sibirica; può crescere inoltre insieme a caducifoglie, anche arbustive, come Betula pendula, Populus tremula, Sorbus aucuparia e Viburnum opulus. Nella parte sud-occidentale dell'areale anche con Tilia cordata, Ulmus scabra e Acer platanoides.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

È accettata le seguente sottospecie:[6]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Sono conosciuti i seguenti sinonimi:[8]

  • Abies krylovii Golub
  • Abies pichta J.Forbes
  • Abies sibirica f. alpina Poljiakov
  • Abies sibirica var. alpina (Poljiakov ex Kom.) Silba
  • Abies sibirica f. alpina Poljiakov ex Kom.
  • Abies sibirica subsp. sibirica
  • Picea pichta (J.Forbes) Loudon
  • Picea sibirica Gordon
  • Pinus pichta (J.Forbes) Fisch. ex Endl.
  • Pinus picea Pall.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il legno è ampiamente utilizzato in edilizia e nella preparazione della polpa di cellulosa per l'industria cartaria. Nell'Europa centro-orientale sono state realizzate diverse cultivar per il suo utilizzo come albero ornamentale.[3] Olii essenziali estratti dalle foglie sono utilizzati in aromaterapia e profumeria.[9]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante che lo sfruttamento economico di questa specie sia intensivo, non sono stati identificati specifici e immediati rischi per la sua sopravvivenza; viene pertanto classificata come specie a rischio minimo di estinzione (Least Concern) nella Lista rossa IUCN.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Abies sibirica, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.2, IUCN, 2018. URL consultato il 3/05/2014.
  2. ^ Pier Luigi Nimis, Nevio Agostini, Marco Verdecchia e Elias Ceccarelli, Guida agli alberi del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi (PDF), su Dryades project Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste, Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. URL consultato il 6 aprile 2019.
  3. ^ a b (EN) Aljos Farjon, A Handbook of the World's Conifers (2 vols.), Brill, 2010, pp. 119-120. URL consultato il 6 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Abies sibirica, su The Gymnosperm Database. URL consultato il 6 aprile 2019.
  5. ^ (EN) Abies sibirica, su eFloras. URL consultato il 6 aprile 2019.
  6. ^ Abies sibirica subsp. semenovii (B.Fedtsch.) Farjon, in The Plant List. URL consultato il 6 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Aljos Farjon, A Handbook of the World's Conifers (2 vols.), Brill, 2010, pp. 120. URL consultato il 6 aprile 2019.
  8. ^ Abies sibirica Ledeb., in The Plant List. URL consultato il 6 aprile 2019.
  9. ^ Abies sibirica Lebl., in Plants For A Future. URL consultato il 6 aprile 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica