43º Stormo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
43º Stormo
Ensign of the 43º Stormo of the Italian Air Force.svg
Stemma dello stormo
Descrizione generale
NazioneItalia Regno d'Italia
ServizioLesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1929-1943).svg Regia Aeronautica
TipoStormo
Comandanti
Degni di notaColonnello Luigi Questa
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

Il 43º Stormo Bombardamento Terrestre, che fu in servizio nella Regia Aeronautica, era composto dal 98º Gruppo (240ª e 241ª Squadriglia) e dal 99º Gruppo (242ª Squadriglia e 243ª Squadriglia). Era dislocato presso l'aeroporto di Cameri[1] ed a quello di Milano-Bresso.[2]

Inizialmente equipaggiato con i bombardieri bimotori Fiat B.R.20, questi vennero integrati con i trimotori Savoia-Marchetti S.M.84.[2] Al 10 giugno 1940 era a Cameri formato dal XCVIII Gruppo del Mag. Mario Tenti:

  • 240ª Squadriglia (6 BR 20)
  • 241ª Squadriglia (5 BR 20)

e dal XCIX Gruppo del Ten. Col. Ivo Ravazzoni:

  • 242ª Squadriglia (6 BR 20)
  • 243ª Squadriglia (5 BR 20)

Nel 1940 costituì, assieme al 13º Stormo B.T., la componente da bombardamento del Corpo Aereo Italiano. Lo Stormo era comandato dal 1º aprile 1940 al 10 settembre 1940 dal Colonnello Luigi Questa che disponeva di 37 BR 20M a Chièvres. Lo Stormo contribuì partecipando alle prime azioni di guerra contro la Francia nel giugno 1940 e successivamente alle operazioni di incursioni aeree sul territorio britannico condotte dalla Luftwaffe durante la battaglia d'Inghilterra. L'otto settembre 1943 lo Stormo Bombardamento Terrestre era con il XCVIII Gruppo all'Aeroporto di Gioia del Colle con la 240ª (5 SM 84) e 241ª Squadriglia (4 SM 84).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Historiy And Development Of The Italien Army - Comando Supremo Archiviato il 1º dicembre 2017 in Internet Archive..
  2. ^ a b Dimensione Cielo 5, p.90.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emilio Brotzu, Michele Caso, Gherardo Cosolo (a cura di), Dimensione Cielo, Aerei Italiani nella 2ª Guerra Mondiale Vol.5, Bombardieri-Ricognitori, Roma, Edizioni dell'Ateneo & Bizzarri, aprile 1973, pp. 81-92.