420 (natante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
420
420er 002.jpg
420 in navigazione
Tipo Deriva
Classe velica 420 black.svg
Caratteristiche tecniche
Lunghezza fuori tutto 4,20 m
Larghezza 1,651 m
Immersione con deriva 0, 965 m
Peso 100 kg
Superficie velica totale 13,05 m²
Equipaggio 2

Il 420 è un natante[1] a vela per due persone dotata di randa, fiocco e spinnaker.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Perfetta per entrare nel mondo delle barche a vela e cominciare a competere con semi-professionisti. Dotata già di regolazioni tecniche per l'albero (ghinda, strallo, sartie e crocette) e per la forma delle vele (vang, cunningham e tesabase).

L’idea del 420 nacque nel 1958, quando si incontrarono Cristian Maury, architetto e M. Lanaverre, proprietario di un piccolo cantiere. Si sentiva la necessità di sostituire i vecchi «Argonaute» pesanti e di legno con una barca leggera per due persone, trasportabile ed economica. Nel settembre 1959 il modello fu pronto e nel gennaio 1960 si iniziò la produzione. Il primo campionato del mondo si svolse a Palamos nel 1966 con 11 nazioni partecipanti. Oggi, nel mondo, la classe è presente con più di 54.000 esemplari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si definisce "natante" ogni unità da diporto avente lunghezza non superiore a metri 10 indipendentemente dal tipo di propulsione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]