Lelievlet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lelievlet
Scouting-Seascouts-Lelievlet-mini.png
schema del Giglio
Flag of the Netherlands.svg
Tipo Deriva
Classe velica Lelievlet zeilteken.svg
Costruttori Teunis Beenhakker
A.L.J. Stockmann
Varo 1º modello 1955
Caratteristiche tecniche
Lunghezza fuori tutto 5,60 m
Larghezza 1,80 m
Immersione scafo 0,30 m
Peso 650 kg (solo scafo)
950/1.000 kg (armata) kg
Superficie velica totale 12,15 m²
Equipaggio 6

La lelievlet è una imbarcazione progettata nel secondo dopoguerra dagli olandesi Teunis Beenhakker e dal padrone marittimo Antonius Leo Joseph Stockmann, commissario della Katholieke Verkenners (Esploratori Cattolici) che cercavano una barca adatta alle attività scout.

Questa imbarcazione può essere usata vogando all'inpiedi, remando o a vela, quindi sia come deriva che come barca a chiglia.

Data la sua estrema versabilità è molto utilizzata anche da gruppi scout delle Fiandre e in Irlanda del Centro nazionale per le attività acquatiche (National Water Activities Centre - NWAC)[1] di Killaloe.

Il suo nome è composto e deriva dalle parole lilie + vlet ovvero dal giglio scout e da una tipica barca a fondo piatto di metallo utilizzata per il trasporto di merce nei navigli (o acque interne in genere), in effetti il suo progetto deriva dalla beenhakkervlet.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]