154 Bertha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Berta
(154 Bertha)
Scoperta4 novembre 1875
ScopritoreProsper-Mathieu Henry
ClassificazioneFascia principale
Classe spettraleC
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2453600,5)
Semiasse maggiore477 286 000 km
3,190 UA
Perielio437 053 000 km
2,922 UA
Afelio517 519 000 km
3,459 UA
Periodo orbitale5,699 anni
Velocità orbitale16 650 m/s (media)
Inclinazione
sull'eclittica
21,032°
Eccentricità0,084
Longitudine del
nodo ascendente
36,967°
Argom. del perielio154,236°
Anomalia media159,936°
Par. Tisserand (TJ)3,088 (calcolato)
Dati fisici
Dimensioni184,9 km
Massa
6,62 × 1018 kg
Densità media~2,0 × 10³ kg/m³
Acceleraz. di gravità in superficie0,0517 m/s²
Velocità di fuga97,8 m/s
Periodo di rotazione0,5000 giorni
(12,000 ore)
Temperatura
superficiale
~158 K (media)
Albedo0,048
Dati osservativi
Magnitudine ass.7,58

154 Bertha (in italiano 154 Berta) è un asteroide discretamente massiccio, di colore scuro, che orbita nella parte esterna della fascia principale del sistema solare.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Bertha fu scoperto il 4 novembre 1875 da Prosper Mathieu Henry, in collaborazione con il fratello Paul-Pierre Henry, dall'Osservatorio di Parigi. Ben quattordici asteroidi furono complessivamente individuati in cooperazione dai due fratelli; la loro intesa fu tale che rispettarono una stretta imparzialità nell'annunciare alternativamente la paternità di ogni asteroide da loro individuato.

L'annuncio iniziale della scoperta fu dato il 6 novembre 1875; probabilmente, Bertha fu battezzato così in onore di Berthe Martin-Flammarion, sorella dell'astronomo Camille Flammarion.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 951 Gaspra

Precedente: 153 Hilda      Successivo: 155 Scylla


Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare