127 mm Type 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Type 3
Sagiri.jpg
Cannoni Type 3 in torretta binata Type B sul cacciatorpediniere Sagiri
Tipocannone navale/costiero
OrigineGiappone Impero giapponese
Impiego
UtilizzatoriNaval ensign of the Empire of Japan.svg Marina imperiale giapponese
Naval Ensign of the Soviet Union.svg Voenno-morskoj flot SSSR
Naval Jack of the Republic of China.svg Zhōnghuá Mínguó Hǎijūn
ConflittiSeconda guerra mondiale
Produzione
Data progettazione1926-1927
Entrata in servizio1928
Ritiro dal servizio1966
Numero prodotto~700
Descrizione
Pesobocca da fuoco: 4,245 t
impianto singolo: 18,7 t
impianto binato: 32,5 t
Lunghezza6.483 mm
Lunghezza canna6.350 mm
Rigaturadestrorsa costante a 36 principi
Calibro127 mm
Tipo munizioniseparato a cartoccio sacchetto
Peso proiettile20,9-27,9 kg
Azionamentootturatore a vite interrotta tipo Welin
Cadenza di tiro5-10 colpi/min
Tiro utileorizzontale: 18.380 m
antiaereo: 12.200 m
Velocità elevazione6-12°/sec
Angolo di tiro-150°/+150°
Velocità di rotazione4-6°/sec
[1]
voci di artiglierie navali presenti su Wikipedia

Il 12,7 cm/50 Type 3 era un cannone navale da 127 mm, con canna lunga 50 calibri, impiegato dalla Marina imperiale giapponese durante la seconda guerra mondiale come armamento principale dei cacciatorpediniere in torri singole e binate. Durante il secondo conflitto venne anche impiegato come cannone costiero. Il nome era dovuto all'anno di sviluppo del blocco otturatore, il terzo di regno dell'imperatore Taishō, cioè il 1914[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il cannone, sviluppato nel 1926, adottava un blocco di culatta comune a tutti i successivi pezzi navali giapponesi, con otturatore a vite interrotta tipo Welin. Anche se considerato come cannone a doppio impiego (dual purpose), ma questa capacità era più nominale che reale: il munizionamento separato a cartoccio a sacchetto e la calcata manuale richiedevano un angolo di caricamento compreso tra +5° e +10°, abbassando la cadenza di tiro a 5-10 colpi al minuto; questa, unita ad una bassa velocità di brandeggio, rendevano molto difficoltoso l'ingaggio efficace di velivoli nemici. Il cannone equipaggiò i cacciatorpediniere costruiti tra il 1926 ed il 1940. Durante la seconda guerra mondiale alcuni pezzi vennero impiegati come artiglieria costiera in postazione fissa.

Dopo la guerra il pezzo rimase in servizio su due cacciatorpediniere giapponesi ceduti, come riparazione di guerra, all'Unione sovietica ed alla Repubblica di Cina, quest'ultimo demolito nel 1970 dopo essersi incagliato a causa di un tifone.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Bocca da fuoco[modifica | modifica wikitesto]

L'otturatore del Type 3 era a vite interrotta tipo Welin e venne utilizzato anche sui cannoni navali giapponesi da 40 cm, da 20 cm, da 15,5 cm, da 14 cm e da 12 cm[3]. La canna era di tipo composito, originariamente a tre strati, poi a due, con la solita cerchiatura di culatta[4]. La vita utile della canna era di 550-700 colpi. L'angolo di caricamento era compreso tra +5° e +10°[1]; lo spolettamento manuale avveniva sulla cucchiaia di caricamento, prima della calcata manuale; tutti i tipi di impianto erano dotati di calcatoio a spinta, mentre i sacchetti di polvere dovevano essere posizionati manualmente[5].

Impianti[modifica | modifica wikitesto]

I Type 3 furono installati la prima volta su torri binate Type A sui rivoluzionari cacciatorpediniere classe Fubuki; questa fu la prima torre impermeabile all'acqua, ai gas di sparo e a prova di scheggia mai montata su un cacciatorpediniere[6]; in questa i cannoni erano montati su due culle separate, elevabili separatamente. Tutti i modelli di torre binata pesavano circa 32 tonnellate, ruotavano a una velocità di 6°/sec e avevano una velocità di elevazione tra 6° e 12° al secondo (con picchi di 27°)[4]. La torre era dotata di corazzatura spessa da 9 a 12 mm.

Impianto singolo Type A e impianto binato Type B sul Nenohi

La torre binata Type B, installata sui Fubuki 2ª serie e sulla classe Akatsuki, era a doppio impiego grazie all'elevazione massima aumentata a 75°, perciò suscettibile di impiego in funzione contraerei[4]. Per contenere il peso del complesso, lo spessore della corazzatura fu ridotto a 3,2 mm, ma si dimostrò troppo sottile per sopportare il mare grosso e venne in seguito rinforzata. I primi quattro esemplari della classe Hatsuharu furono equipaggiati con la torretta Type B Mod. 2, mentre gli ultimi due e le classi Shiratsuyu, gli Asashio e Kagerō ricevettero la Type C, più leggera e con diverso arco di elevazione[5].

La torre Type D fu utilizzata sui cacciatorpediniere classe Yūgumo e sull'esemplare unico Shimakaze[7].

L'affusto singolo Type A aveva un settore di elevazione compreso tra -7° e +75°, ridotti sulla Type B a +55°[4]. Entrambi gli affusti pesavano circa 18,5 tonnellate[7]. Il primo modello fu installato sui cacciatorpediniere classe Hatsuharu, mentre il Type B sulla classe Shiratsuyu[4].

Tipo Modello Elevazione Classi di navi
Torre binata Type A -5°/+40° Fubuki 1ª serie (3×2)
Type B -5°/+75° Fubuki 2ª serie (3×2), classe Akatsuki (3×2), classe Hatsuharu (3×2)
Type C -7°/+55° classe Shiratsuyu (2×2), classe Asashio (3×2), classe Kagerō (3×2), classe Etorofu (3×1)
Type D -7°/+55° classe Yūgumo (3×2), Shimakaze (3×2)
Torre singola Type A -7°/+75° classe Hatsuharu (1×1)
Type B -7°/+55° classe Shiratsuyu (1×1)

Munizionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il cannone sparava una munizione di tipo separato, con carica propellente in sacchetti di tela da 7,7 kg di 30DC. I proietti disponibili normalmente erano le granate ad alto esplosivo, il proietto illuminante e lo shrapnel incendiaria antiaereo (sankaidan). Nel 1943 venne introdotta una munizione antisommergibile (ASW), con una gittata minima di sicurezza di 800 m ed una massima di 4.300 m. Inoltre, alla fine della guerra, era in fase di sviluppo una nuova granata ad alto esplosivo, più pesante ma più aerodinamica e con una gittata di 23.025 m[7].

Tipo Nome Peso, kg Carica esplosiva, kg Velocità alla volata, m/s
HE Type 0 23 1,8 910-915
HE Type 1 23 1,8 910-915
HE nuovo tipo 27,9 2,2 910-915
ASW 20,9 4 250
illuminante 23 ordigno pirotecnico da 680.000 cd 750

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Type 3 - da NavWeaps
  2. ^ War Department Special Series No 25 Japanese Field Artillery ottobre 1944
  3. ^ Campbell 1985, pp.173, 183
  4. ^ a b c d e Campbell, p. 192
  5. ^ a b Lengerer, p. 105
  6. ^ Whitley, pp. 192–93
  7. ^ a b c Tony DiGiulian, Japan 12.7 cm/50 (5") 3rd Year Type, su navweaps.com, 19 marzo 2009. URL consultato l'8 luglio 2009 (archiviato il 21 luglio 2009).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Campbell, Naval Weapons of World War Two, London, Conway Maritime Press, 2002, ISBN 0-87021-459-4.
  • David C. Evans e Mark R. Peattie, Kaigun: Strategy, Tactics, and Technology in the Imperial Japanese Navy, 1887–1941, Annapolis, MD, Naval Institute Press, 1997, ISBN 0-87021-192-7.
  • Hans Lengerer, The Japanese Destroyers of the Hatsuharu Class, Warship 2007, London, Conway, 2007, pp. 91–110, ISBN 1-84486-041-8.OCLC 77257764
  • M. J. Whitley, Destroyers of World War 2, Cassell Publishing, 1988, ISBN 1-85409-521-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]