100% (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
100%
Anno 20012002
Genere Telequiz
Edizioni 2
Puntate 300
Durata 23 min
Produttore Pearson Television e Magnolia
Presentatore Gigio D'Ambrosio
Regia Gioia Vitale
Musiche Gianluca Podio
Rete LA7

100% è stato un quiz televisivo italiano trasmesso su LA7 nella stagione 20012002 nella fascia dell'access prime time, inizialmente alle 20 e in seguito alle 20.30.[1] Era condotto da Gigio D'Ambrosio, la cui presenza tuttavia era soltanto come voce fuori campo.[1] La prima puntata fu trasmessa il 25 giugno 2001, il giorno successivo all'avvio delle trasmissioni di LA7.

La trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Primo quiz della televisione italiana il cui conduttore non compariva sul teleschermo ma poneva le domande utili per la gara parlando fuori campo,[1] il programma aveva come suo punto di forza il fuoco di fila di domande che venivano proposte ai tre concorrenti, i quali dovevano dare la risposta corretta in un tempo massimo di tre secondo.[1] Autori delle domande erano Fabio Di Gioia, Federico Ferrazza e Barbara Di Dio.[1]

Era la versione italiana dell'omonimo format originale inglese, prodotto dalla Grundy e trasmesso sull'emittente Channel 5 dal 1997 al 2001.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

In ogni puntata di 100% erano presenti tre concorrenti, ciascuna con una postazione (il campione in carica veniva posto sempre nella centrale), e con i tre pulsanti principali (A, B, C). Il gioco era suddiviso in tre manches.

Prima manche[modifica | modifica wikitesto]

Venivano ufficialmente poste dal conduttore quaranta domande di cultura generale, che le quali erano con tre opzioni di risposta (A, B, C) per le prime trenta, mentre le ultime dieci con le sole risposte "vero o falso". I tre concorrenti dovevano rispondere correttamente entro tre secondi premendo uno dei tre pulsanti, mentre in caso di risposta esatta, ricevevano dei punti espressi in percentuale. Alla fine, il concorrente che aveva il punteggio più basso viene eliminato dal gioco.

Seconda manche[modifica | modifica wikitesto]

Essa era uguale alla prima, ma con solo i due concorrenti rimasti. Anche in codesta veniva eliminato il concorrente che, finite le domande, aveva il punteggio più basso e l'altro prendeva parte alla manche finale. Successivamente venne introdotta una variante, in base alla quale nessuno di loro veniva eliminato ed entrambi ci prendevano comunque parte. Infine, sempre nella medesima variante quello con il punteggio più alto riceveva il "jolly" da usare nella suddetta manche, altrimenti in caso di parità si andava per il suo ottenimento allo spareggio, dove chi per primo rispondeva ad una singola domanda se lo aggiudicava.

Manche finale (100%)[modifica | modifica wikitesto]

In quest'ultima manche, valido per la messa in palio del jackpot (variabile ad ogni puntata), le risposte alle dieci domande in cento secondi di tempo venivano date oralmente anziché premendo uno dei pulsanti. Come per la seconda manche anch'essa subì una variante, e per entrambe il concorrente campione tornava di diritto a giocare nella puntata successiva:

  • Prima versione: al primo errore il jackpot sfumava alla cifra di 1.000 €, e se il concorrente arrivava a metà delle domande sbagliate, sfumava anche il milione e concludeva il gioco a mani vuote;
  • Seconda versione: le sue regole erano le stesse della prima ma, i due concorrenti finalisti giocavano in una sorta di prova finale del quiz Passaparola di Canale 5, cioè che quando uno di loro sbagliava o diceva "passo" cedeva il turno all'altro. Inoltre, il "jolly" serviva per sostituire in qualsiasi momento una domanda con un'altra. Alla fine quello che indovinava più risposte esatte o, in caso di parità, risparmiava più secondi diventava campione e come consolazione riceveva 500 € per aver dato almeno cinque risposte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Baroni, pp. 84-85.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione