Zhuge Liang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ritratto di Zhuge Liang

Zhuge Liang (諸葛亮trad., 诸葛亮sempl., Zhūgě Liàngpinyin, Chu1-ko3 Liang4Wade-Giles), nome di cortesia Kongming (孔明trad., 孔明sempl., Kǒngmíngpinyin, Kung3-ming2Wade-Giles) (Yinan, 181Pianure di Wuzhang, 234) , è stato un militare e stratega cinese.

Era il Cancelliere di Shu durante il periodo dei Tre Regni in Cina. È spesso ricordato come il più grande e dotato stratega della sua era.[1]

Spesso dipinto con una tunica e un ventaglio di penne di gru[2], Zhuge non era solo un importante stratega militare e uomo di stato; era anche un dotato studioso e inventore. La sua reputazione di intelligente e colto studioso cresceva anche mentre viveva in relativa reclusione, dandogli il nome di "Wòlóng" (臥龍, o "Drago Dormiente").

Zhuge è un raro nome composto da due famiglie. Il suo nome è diventato sinonimo di intelligenza e tattica nella cultura cinese.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Giovinezza[modifica | modifica sorgente]

Zhuge Liang nacque a Yangdu (陽都) in Langya (琅琊), ora Yinan (沂南), nella provincia di Shandong. Era il secondo di tre fratelli e rimase orfano in giovane età; sua madre morì quando aveva nove anni e suo padre quando ne aveva dodici. Suo zio crebbe lui e le sue sorelle[3]. Quando Cao Cao invase Shandong nel 195, la sua famiglia fu costretta a fuggire a sud e suo zio morì poco dopo di malattia.

Entrambe le sue sorelle erano sposate con membri di importanti famiglie con numerose relazioni nella zona. Per dieci anni abitò a Longzhong (隆中; ora provincia di Hubei)[3] con i fratelli Zhuge Jin e Zhuge Jun (諸葛均), vivendo una tranquilla vita di campagna, coltivando di notte e studiando di giorno.

Il Tempio del Marchese di Wu a Chengdu, luogo di lavoro di Zhuge Liang.

Sviluppò amicizie con gli intellettuali locali. La sua reputazione crebbe e venne nominato "Drago Dormiente", ad indicare la sua saggezza in vari campi e i suoi nobili punti di vista. Sposò la figlia di Huang Chengyan, la cui moglie era la sorella di Lady Cai (moglie del signore della guerra Liu Biao e sorella di Cai Mao). Si dice che il nome della moglie di Zhuge Liang fosse Huang Yueying. La famiglia Huang aveva anche rapporti con diversi altri importanti clan della regione.

La scalata al successo[modifica | modifica sorgente]

Il signore della guerra Liu Bei viveva nella vicina città di Xiangyang. Zhuge Liang si unì a Liu Bei nel 207 dopo che Liu Bei venne in visita personalmente da lui per tre volte. Zhuge Liang presentò il suo piano per Longzhong a Liu Bei e si avviò verso Wu per formare un'alleanza fra il suo governatore Sun Quan e Liu Bei.

Nella Battaglia di Chibi del 208, le armate alleate di Liu Bei e Sun Quan sconfissero Cao Cao, così Liu Bei riuscì a creare il suo regno. Il romanzo storico Romanzo dei Tre Regni dice che Zhuge Liang chiamò un vento da sud est per permettere a Huang Gai di mettere in atto un attacco incendiario alle navi di Cao Cao[4]. In realtà, comunque, fu Zhou Yu ad ideare il piano. Secondo la tradizione, il vento è stato attribuito sia alla magia di Zhuge Liang sia alla sua abilità di fare accurate previsioni sul clima.

L'alleanza con Sun Quan venne rotta quando il generale Wu Lü Meng invase la provincia di Jing nel 219 mentre il suo protettore Guan Yu era alla Battaglia di Fancheng. Guan Yu venne catturato e decapitato dalle forze di Wu. Liu Bei era infuriato per la morte del suo fedele compagno e ignorò tutte le richieste dei suoi subordinati a tornare indietro. Condusse l'esercito contro Wu e venne sconfitto nella Battaglia di Yiling da Lu Xun. Liu morì nella fortezza di Baidicheng dopo un'umiliante ritirata verso i propri confini. Dopo la morte di Liu Bei, Zhuge Liang divenne il cancelliere di Shu Han sotto Liu Shan, figlio di Liu Bei. Riaffermò l'alleanza con i Wu[3]. Malgrado la richiesta di Liu Bei di far assumere a Zhuge Liang il controllo di Shu qualora Liu Shan si dimostrasse un leader incompetente, Zhuge declinò l'offerta e continuò a servire Liu Shan con impeccabile lealtà.

Spedizione a Sud[modifica | modifica sorgente]

Durante il suo regno come reggente, Zhuge Liang pose come obbiettivo di Shu di ripristinare la Dinastia Han, che secondo il loro punto di vista era stata usurpata da Wei. Zhuge Liang capì che prima di attaccare Wei, era necessaria una completa riunione di Shu Han[5]. Era preoccupato che le tribù di Nanman nel sud potessero ribellarsi e premere nei dintorni della capitale a Chengdu mentre stava guidando le armate ad attaccare i Wei a nord. Zhuge Liang decise così di occuparsi prima del sud.

Ma Su, fratello di Ma Liang, propose a Zhuge Liang di conquistare la fiducia delle popolazioni Nanman e sfruttare il loro supporto invece di usare la forza militare per sottometterli tutti. Zhuge Liang ignorò il consiglio di Ma Su e sconfisse il leader ribelle, Meng Huo, per sette volte, liberandolo ogni volta[6].

Meng Huo accettò di unirsi a Zhuge Liang in una genuina aquiescenza[non chiaro]. Zhuge Liang lo pose a governatore della regione per ottenere la felicità della popolazione ed assicurare i confini Shu a sud. Questo significava che la spedizione a nord di Zhuge Liang si sarebbe svolta senza disordini interni[5]. Zhuge Liang ottenne inoltre delle risorse dal sud e in seguito inizio il suo attacco al nord.

Spedizione a Nord[modifica | modifica sorgente]

Dal 228 fino alla sua morte nel 234, Zhuge Liang comandò cinque diverse spedizioni contro Wei, ma fallirono tutte tranne una. I fallimenti erano di solito causati da scarsità o esaurimento di scorte di cibo piuttosto che dalle sconfitte militari. L'unico guadagno permanente fu la conquista di Wudu (武都) e Yinping (陰平)[7].

Durante la prima spedizione a nord, Zhuge Liang convinse Jiang Wei di Wei a disertare e unirsi a Shu[7]. Jiang Wei sarebbe diventato uno dei migliori ufficiali di Shu ed ereditò gli ideali di Zhuge Liang. Nella quinta spedizione, Zhuge morì di malattia nell'accampamento nella Battaglia delle Pianure di Wuzhang all'età di 54 anni. Su raccomandazione di Zhuge, Liu Shan commissionò Jiang Wan a succedergli come reggente[8].

Nel Romanzo dei Tre Regni, Zhuge Liang tentò di allungare la durata della sua vita di vent'anni. Fallì poiché il rituale venne disturbato da Wei Yan, che si precipitò ad avvisarlo dell'avanzare delle truppe di Wei[9]. Il romanzo riporta anche una storia di Zhuge Liang che consegna i 24 Volumi di Strategia Militare (兵法二十四篇) a Jiang Wei prima della propria morte[10].

Zhuge Liang nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Zhuge Liang - Kong Ming, The Original Hidden Dragon in JadeDragon.com. URL consultato l'11 novembre 2007.
  2. ^ Ancient Cultivation Stories: Zhuge Liang's Cultivation Practise in ClearHarmony.net, 28 luglio 2005. URL consultato l'11 novembre 2007.
  3. ^ a b c Zhuge Liang, Three Kingdoms Period in TravelChinaGuide.com. URL consultato l'11 novembre 2007.
  4. ^ Luo Guanzhong, Three Kingdoms: A Historical Novel: Volume II, translated by Moss Roberts. page 852-856. Foreign Languages Press. Tenth Printing 2007. First Edition 1995. Beijing, China 1995. ISBN 978-7-119-00590-4
  5. ^ a b (ZH) Zhuge Liang, Zhang Zhu; Xizhong Duan; Xuchu Wen, 諸葛亮集 (Zhuge Liang ji), Pechino, Zhonghua shu ju, 1960, OCLC 21994628.
  6. ^ Walter Ta Huang, Seven times freed, New York, Vantage Press, 1967, OCLC 2237071.
  7. ^ a b (ZH) Zhizhong Luo, 諸葛亮 (Zhuge Liang), Taizhong, Hao du chu ban you xian gong si, 2003, OCLC 55511668, ISBN 9574555763.
  8. ^ Advisors of Shu Kingdom in 3Kingdoms.net. URL consultato l'11 novembre 2007.
  9. ^ Luo Guanzhong, Three Kingdoms: A Historical Novel: Volume IV, translated by Moss Roberts. page 1886-1888. Foreign Languages Press. Tenth Printing 2007. First Edition 1995. Beijing, China 1995. ISBN 978-7-119-00590-4
  10. ^ Luo Guanzhong, Three Kingdoms: A Historical Novel: Volume IV, translated by Moss Roberts. page 1889. Foreign Languages Press. Tenth Printing 2007. First Edition 1995. Beijing, China 1995. ISBN 978-7-119-00590-4. In note 1 of chapter 104 - see page 2189 - Roberts mentions the Zhuge Liang ji (AD 274, which Chen Shou compiled)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51948350 LCCN: n/80/17873