Yidam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Buddhismo
Vajrasattva Tibet.jpg
Mahāyāna Vajrayāna
Paesi
BhutanMongolia
GiapponeTibet
Insegnamenti
BodhisattvaBodhicitta
VacuitàKaruna
Natura di BuddhaPrajna
TrikayaAdhiBuddha
MādhyamikaVijnanavada
MahamudraTre Radici
MantraDharani
MudraMandala
Sutra
Prajnaparamita
Mahāvairocanāsūtra
Vajraśekhara-sūtra
Susiddhi-kara-mahā-tantra-sādhanôpāyika-paṭala
Tantra
KriyatantraCaryatantra
YogatantraAnuttarayogatantra
Maestri
NāgārjunaKūkai
Scuole
Shingon

Un Yidam (contrazione del tibetano: yid-kyi-dam-tshig, Impegno della Mente e Yi-dam Mente Sacra) o in sanscrito: Ishtadevata (cinese: 神體 essere spirituale) è l'oggetto di meditazione nel Buddhismo Vajrayana. Viene rappresentato come un essere perfettamente realizzato ma non necessariamente dotato di reale esistenza.

Tra gli yidam più venerati in Tibet: Hayagriva, Vajrakilaya, Samputa, Guhyasamaja, Yamantaka, Hevajra, Cakrasamvara, Vajrayogini, Kalacakra, Vajravarahi e le varie Dakini.

Possono avere la stessa funzione degli yidam nella meditazione anche le varie forme dei Buddha e dei Bodhisattva (spesso le varie forme di Avalokiteśvara e di Tara), oltre che maestri come Padmasambhava o divinità di origine tibetana o scivaitica come Kurukulle o Dharmapala, sia da soli che uniti in Yab-yum con i propri (o le proprie) partenr.

Il praticante in meditazione deve visualizzare la forma di yidam propostagli dal maestro fino a raggiungere una completa unione col suo yidam. In genere questo tipo di meditazione dura dall'alba alla notte. In questo modo ci si serve degli yidam per ottenere una trasformazione dello stato mentale dell'adepto.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]