Bodhicitta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il termine Bodhicitta (sanscrito, "Mente di illuminazione" o "Mente del Risveglio") è proprio del Buddhismo Mahāyāna dove indica l'intenzione del bodhisattva di conseguire l'illuminazione per la salvezza di tutti gli esseri senzienti.

Tale termine è indicato in:

Tale intenzione si avvia con i Voti del Bodhisattva (sanscrito praṇidhāna), la cui pronuncia genera di per sé il "pensiero del risveglio" (cittopāda).

Come è proprio della dialettica madhyamaka anche la bodhicitta è la sintesi, o "Verità di mezzo" (mādhya-satya), dei suoi due aspetti: di "Verità convenzionale" (saṃvṛti-satya), che ha come obiettivo la salvezza di tutti gli esseri senzienti (parāthālambana) per mezzo della compassione (karuṇā), e "Verità assoluta" (paramārtha-satya) che ha come obiettivo la stessa "illuminazione" del bodhisattva (saṃbodhikāmanāsahagatā).

La bodhicitta "convenzionale" (saṃvṛti bodhicitta)[modifica | modifica sorgente]

La bodhicitta "assoluta" (paramārtha bodhicitta)[modifica | modifica sorgente]