Rinpoche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rinpoche, o Rimpoche (Tibetano), è un titolo onorifico di carattere religioso utilizzato frequentemente all'interno del Buddismo Tibetano.

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

Rinpoche letteralmente significa prezioso.

Si tratta di un titolo riservato generalmente ai tulkus, lama reincarnati; o comunque, a tutti coloro riconosciuti come "lama di fiducia", o a cui è concessa una grande stima.

Rinpoche quindi, sinonimo di Tulku, verrebbe a significare "colui che ha scelto di rinascere 'intenzionalmente' nel samsara", per beneficiare e prestare soccorso a tutti gli esseri senzienti, nel cammino verso il risveglio della propria coscienza e illuminazione.

Uso eccessivo del termine[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente e nel corso del tempo, il titolo "Rinpoche" si è venuto usando sempre di più e di frequente, ormai, anche in quei casi in cui semplicemente si voglia indicare un certo grado di rispetto (come i discepoli, o gli studenti per il proprio maestro), perdendo quindi la sua accezione originaria.

Rinpoche rinomati[modifica | modifica wikitesto]

In Tibet e Bhutan, quando si usa come "Guru Rinpoche" vuole significare Padmasambhava, colui il quale per primo è considerato come portatore del Buddismo tibetano nel territorio dell'Himalaya. Quando si utilizza invece come "Je Rinpoche", si riferisce generalmente a Je Tsongkhapa, il fondatore della scuola Gelug.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Dalai Lama
Flag of the Tibet Government in Exile Gendun Drup | Gendun Gyatso | Sonam Gyatso | Yonten Gyatso | Lozang Gyatso | Tsangyang Gyatso | Kelzang Gyatso | Jamphel Gyatso | Lungtok Gyatso | Tsultrim Gyatso | Khedrup Gyatso | Trinley Gyatso | Thubten Gyatso | Tenzin Gyatso