Williams International

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Williams International
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1955 come Williams Research Corporation, nel 1981 rinominata Williams International
Fondata da Sam B. Williams
Sede principale Commerce Township, Michigan
Persone chiave Gregg G. Williams, CEO
Settore aeronautica, difesa
Prodotti
  • Motori aeronautici
  • Velivoli a getto
Sito web www.williams-int.com

La Williams International è un'azienda costruttrice americana di piccoli motori a reazione con sede a Commerce Township nel Michigan. È specializzata nella produzione di motori a getto destinati a missili da crociera e piccoli aerei a reazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Compagnia venne fondata da Sam Williams, precedentemente impiegato nel reparto turbine per autoveicoli della Chrysler. Nel 1954 lasciò la Chrysler per costituire la Williams Research Corporation a Birmingham nel Michigan.[1] Nel 1981 la compagnia cambiò denominazione in Williams International. Sebbene il suo primo contratto fosse stato ottenuto per lo sviluppo sperimentale di un motore marino fuoribordo a turbina, lo sforzo produttivo e di ricerca fu subito rivolto al campo aerospaziale con lo studio di soluzioni innovative nel campo della propulsione a getto con piccoli motori a turbina e velivoli da ricognizione (droni) senza pilota.[2]

Williams, a partire da motori prodotti per missili, sviluppò una serie di velivoli a decollo verticale in grado di trasportare un uomo tra i quali spiccano il Williams Aerial Systems Platform (WASP), anche noto negli anni settanta come il "pulpito volante", e l'X-Jet, che venne preso in considerazione dalla United States Army negli anni ottanta.[3] Il progetto WASP era l'unico concorrente del Garrett STAMP per il programma statunitense STAMP (Small Tactical Aerial Mobility Platform) promosso dalla United States Marine Corps nei primi anni settanta.[4]

Sempre negli anni ottanta, Williams accolse la richiesta del mercato dei velivoli di aviazione generale per un piccolo motore a getto destinato a motorizzare aerei a reazione di piccole dimensioni producendo l'FJ44.

Nel 1992, la NASA avviò il suo programma Advanced General Aviation Transport Experiments (AGATE) per rilanciare, col contributo dei costruttori aeronautici, l'industria collegata all'aviazione generale. Nel 1996, Williams si unì al programma AGATE per sviluppare un motore turbofan più piccolo ed efficiente dell'FJ44. Il risultato fu il motore FJX-2.[5][6] Williams successivamente affidò a Burt Rutan della Scaled Composites il compito di progettare e costruire il Williams V-Jet II, un velivolo a reazione di piccole dimensioni da usarsi come dimostratore e banco prova volante per il nuovo motore. L'aereo ed il motore fecero il loro debutto ufficiale nel 1997 all'EAA AirVenture di Oshkosh.[6] La versione di produzione del motore, la EJ22 volò sul prototipo dell'Eclipse 500 (evoluzione del V-Jet II), ma fu successivamente sostituito da un motore Pratt & Whitney.

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Richard A. Leyes, The History of North American Small Gas Turbine Aircraft Engines, AIAA, 1999, p. 385.
  2. ^ Williams International, History.
  3. ^ Bernhard C.F. Klein Collection, Williams WASP II.
  4. ^ Jet flight without wings in Popular Science, aprile 1974.
  5. ^ NASA, Small Aircraft Propulsion: The Future Is Here.
  6. ^ a b EAA Airventure Museum, Williams V-Jet II - N222FJ.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]