Vostok 6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vostok 5
Emblema missione
Vostok 5-6 mission patch.jpg
Dati della missione
Vettore Semyorka
Codice chiamata Чайка (Čajka, „gabbiano“)
Luogo lancio Cosmodromo di Bajkonur
Lancio 16 giugno 1963
Atterraggio 19 giugno 1963
Durata 2 giorni, 22 ore, 50 min
Numero orbite 48
Apoapside 231
Periapside 180
Periodo orbitale 87.1 minuti
Inclinazione orbitale 64.9 gradi
Equipaggio
Membri equipaggio * Valentina Vladimirovna Tereškova
Programma Vostok
Missione precedente Missione successiva
Vostok 5 Vostok 7

Vostok 6 fu una missione con equipaggio svoltasi nel corso del programma Vostok. La cosmonauta Valentina Vladimirovna Tereškova che formò l’equipaggio per questa missione fu la prima donna a volare nello spazio.

Preparazione[modifica | modifica sorgente]

L’idea di addestrare donne cosmonauta venne lanciata sin dal 1961, poco dopo lo storico volo di Jurij Gagarin. Il progetto fu comunque ampiamente contestato e messo in dubbio all’interno dell'RKA e nella direzione militare. Siccome esistevano ben poche donne pilota, si dovette ben presto estendere la ricerca di una persona adatta prendendo in considerazione pure le paracadutiste. Tra le 58 candidate, il 16 febbraio 1962 venne ufficializzata la scelta delle sottoindicate cinque russe che contemporaneamente formarono il secondo gruppo di cosmonauti dell’Unione Sovietica:

Formalmente la scelta venne pure indicata come gruppo donne cosmonauta.

In seguito al doppio volo della Vostok 3 e Vostok 4 eseguito ad agosto del 1962, non fu chiaro quante ulteriori missioni del programma Vostok sarebbero state svolte ed in particolar modo non fu mai ufficializzato quante di queste missioni sarebbero state equipaggiate da una donna cosmonauta. Solo in primavera del 1963 iniziò a diventare chiaro, che non sarebbero più state costruite ulteriori capsule Vostok. In dotazione erano rimaste due capsule monoposto e pertanto fu ben presto chiaro che le stesse sarebbero state impegnate per un ulteriore volo in coppia, l’una equipaggiato da una donna e l’altra da un uomo.

A novembre del 1962 Tatjana Kusnetsova non fu in grado di superare l’esame teorico per l’addestramento da cosmonauta e a maggio del 1963 pure Sanna Jerkina dovette rinunciare all’ulteriore addestramento per motivi di salute.

Il 4 giugno 1963 venne ufficializzata la nomina di Tereškova quale equipaggio per la Vostok 6. Ponomarjova e Solovjova vennero nominate riserve per questa missione.

Missione[modifica | modifica sorgente]

Vostok 6 venne lanciata il 16 giugno 1963 alle ore 12.29 (ora di Mosca) dal cosmodromo di Bajkonur. Dopo pochi minuti aveva raggiunto la traiettoria d’orbita terrestre con un perigeo di 165 km ed un apogeo di 166 km. L’inclinazione misurò 65 gradi.

Durante la prima orbita terrestre, Vostok 6 e Vostok 5 si avvicinarono, come previsto, fino a circa 5 km. Vostok 5, equipaggiata da Valerij Fëdorovič Bykovskij era stata lanciata un giorno prima.

Durante il primo giorno di missione, Tereškova fu in grado di mantenere direttamente il contatto via radio con Bykovskij. Siccome le due navicelle spaziali con il perdurare della missione si allontanarono sempre di più l’una dall’altra, sin dal secondo giorno di missione una comunicazione tra le due capsule fu esclusivamente possibile per il tramite dei vari posti di controllo a terra. Le capsule Vostok erano esclusivamente dotate di strumenti in grado di stabilizzare il posizionamento e pertanto non si poteva influenzare e correggere direttamente la traiettoria di volo. In pratica non fu possibile eseguire alcuna manovra di pilotaggio. Il rendezvous delle due capsule spaziali (che formalmente non può neanche essere considerato come tale, dato che nessun velivolo spaziale poteva assumere un ruolo attivo nell’esecuzione della manovra stessa) non era pertanto dovuto a tali manovre, bensì il semplice frutto di precisi calcoli di traiettoria prima del lancio.

Tereškova scattò numerose immagini fotografiche della Terra come pure registrò qualche filmato dalla sua capsula. Un esperimento di carattere biologico invece non poté essere completato, dato che non fu in grado di raggiungere tutti gli strumenti necessari.

L’azionamento dei retrorazzi frenanti funzionò perfettamente, come pure il distacco della capsula dalla sezione orbitale. Il centro di controllo a terra dovette comunque raccogliere queste informazioni solo grazie ai dati di telemetria, in quanto il contatto via radio con Tereškova era del tutto interrotto.

L’atterraggio avvenne, dopo quasi tre giorni di volo nello spazio, il 19 giugno 1963, alle ore 08.20 GMT, a circa 620 chilometri a nordest di Karaganda - oggi nel Kazakistan. Come accadeva di solito per i voli Vostok, Tereškova si catapultò dall’abitacolo della capsula mediante un apposito seggiolino eiettabile, atterrando appesa ad un paracadute.

Successivamente Tereškova ebbe numerose apparizioni in pubblico. Infatti si poté recare per diverse conferenze stampa e relazioni pure all’estero.

Importanza[modifica | modifica sorgente]

Dopo il primo lancio in un'orbita terrestre di un satellite artificiale (Sputnik 1 nel 1957), il primo volo nello spazio equipaggiato da un uomo (Vostok 1 nel 1961) nonché il primo volo di gruppo (Vostok 3/Vostok 4 nel 1962) l'Unione Sovietica aveva raggiunto un ulteriore primato nella corsa verso lo spazio. Il primo volo nello spazio di una donna significò per l'Unione Sovietica un enorme guadagno di prestigio a livello internazionale che il direttivo politico seppe utilizzare molto bene per scopi propagandistici.

Internamente, invece, il risultato ottenuto da Tereškova non era stato valutato tra i più convincenti. In un primo momento si pensò di eseguire ulteriori due missioni equipaggiate da donne cosmonauta, missioni che probabilmente non furono pianificate con la necessaria convinzione, tanto che a conclusione del programma Voskhod non veniva addirittura più prevista la selezione e la nomina di donne cosmonauta per futuri impegni in missioni spaziali. Bisognerà attendere fino al 1982 quando Svetlana Savickaja diventerà la seconda donna a volare nello spazio.

Nonostante qualche problema durante l'atterraggio, le missioni Vostok 5 e Vostok 6 rappresentarono il successo conclusivo di questo programma. Era stato infatti già precedentemente deciso che i successivi voli nello spazio con equipaggio sarebbero stati eseguiti con capsule modificate in modo da trasportare un equipaggio con più componenti, capsule ufficialmente denominate Voskhod. Si dovrà ancora attendere diversi anni per poter assistere alla finitura della capsula Sojuz, che venne per l'appunto concepita proprio a partire dalla fine di questa missione.

La capsula nella quale Tereškova fece ritorno a Terra attualmente è esposta presso il museo RKK Energija di Kaluga in Russia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica