Volo One-Two-GO Airlines 269

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Volo One-Two-GO Airlines 269
Un MD-82 della One-Two-GO Airlines
Un MD-82 della One-Two-GO Airlines
Tipo di evento Incidente
Data 16 settembre 2007
Tipo Aereo uscito di pista durante l'atterraggio
Luogo Phuket
Stato Thailandia Thailandia
Coordinate 8°06′48″N 98°19′01″E / 8.113333°N 98.316944°E8.113333; 98.316944Coordinate: 8°06′48″N 98°19′01″E / 8.113333°N 98.316944°E8.113333; 98.316944
Tipo di aeromobile McDonnell Douglas MD-82
Operatore One-Two-GO Airlines
Numero di registrazione HS-OMG
Partenza Aeroporto di Bangkok-Don Muang, Thailandia
Destinazione Aeroporto internazionale di Phuket, Thailandia
Passeggeri 123
Equipaggio 7
Vittime 90
Sopravvissuti 40
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Tailandia

Dati estratti da Aviation Safety Network[1]

voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Con incidente aereo di Phuket ci si riferisce al disastro aereo del 16 settembre 2007.

Dinamica[modifica | modifica sorgente]

Domenica 16 settembre 2007 il volo 269 della One-Two-GO Airlines, un MD-82, si schiantò sulla pista dell'aeroporto di Phuket, Phuket - Thailandia, dopo aver fallito l'atterraggio in condizioni meteorologiche sfavorevoli. L'aereo, decollato da Bangkok, si spezzò in due tronconi e prese istantaneamente fuoco. A bordo erano presenti 123 passeggeri e 7 membri dell'equipaggio.

Tra i sopravvissuti, si contano 14 thailandesi, 8 inglesi, 4 tedeschi, 3 iraniani, 3 irlandesi, 2 svedesi, 1 australiano, 1 austriaco e 1 olandese. La Farnesina ha negato la presenza di italiani a bordo.

Precedenti[modifica | modifica sorgente]

Questo incidente rappresenta il più grave disastro aereo in Thailandia dopo lo schianto del volo 261 della Thai Airways avvenuto nel 1998, nel quale persero la vita 101 persone.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) ASN Aircraft accident McDonnell Douglas MD-82 HS-OMG Phuket International Airport (HKT).htm in Aviation Safety Network. URL consultato il 09/11/2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]