Fra' Galgario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vittore Ghislandi)

Giuseppe Ghislandi, successivamente Vittore Ghislandi, detto Fra' Galgario (Bergamo, 1655Bergamo, dicembre 1743), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Ghislandi nasce a Bergamo nel 1655, da Domenico e Flaminia Mansueti.

La sua formazione avviene a Bergamo sotto Giacomo Cotta, incisore milanese, attivo in città come pittore di soggetti sacri, e sotto Bartolomeo Bianchini. Probabilmente a influenzarlo in questa prima fase oltre a Giovanni Battista Moroni, furono le opere di Carlo Ceresa e le nature morta di Evaristo Baschenis.

Nel 1675 entrò come frate laico nell'Ordine dei frati minimi nel convento di San Francesco da Paola a Venezia, assumendo il nome di Vittore, in città rimase fino al 1688, dedito allo studio delle opere di Tiziano e Paolo Veronese, a quest'anno è databile il Ritratto di Domenico Ghislandi

Rientrato a Bergamo si trasferisce intorno al 1690 ancora a Venezia come allievo e collaboratore di Sebastiano Bombelli entrando in contatto con l'opera dei ritrattisti Nicolò Cassana, il fiammingo Jan de Kerkchoven detto Giacomo da Castello e del ritrattista boemo Johann Kupezky. A questo periodo possono risalire il Ritratto di Bartolomeo Manganoni del 1695 circa, e conservato al Musée d'Art et d'Histoire di Narbonne e il Ritratto di patrizio veneziano, degli ultimi anni del secolo XVII e ora in collezione privata.

Nel 1701 circa ritorna a Bergamo. Di questo periodo sono il Busto di Vitellio Imperatore, del 1702 e ora all'Accademia Carrara di Bergamo, con il probabile pendant costituito dal Busto di un poeta laureato, ora in collezione privata; il Ritratto del marchese Rota e del capitano Brinzago, databile tra il 1702 e il 1705; il Ritratto di gentiluomo, il Ritratto di gentiluomo e il Ritratto di gentiluomo in giacca rossa, questi ultimi tre databili al 1705 circa e in diverse collezioni private.

Ritratto di G. Secco Suardo

In questo periodo si perfeziona sotto la guida di Salomon Adler, pittore di origine polacca attivo precedentemente a Milano come ritrattista.

Nella sua città natale iniziano le maggiori commesse da parte dell'aristocrazia locale, di queste fanno parte il Ritratto di gentiluomo di casa Finardi del 1710; il Ritratto di Clara Benaglio Finardi del 1710, entrambi in collezione privata; il Ritratto di gentildonna con ventaglio del 1710 circa; il Ritratto del conte Gerolamo Secco Suardo del 1711, conservato all'Accademia Carrara di Bergamo; il Ritratto di Gian Domenico Tassi, databile tra il 1710 e il 1715 della Collezione Koelliker; il Ritratto di gentiluomo di casa Secco Suardo realizzato tra il 1712 e il 1715, entrambi in diverse collezioni private e il Ritratto del conte Giovan Battista Vailetti, databile al 1720 circa, conservato alle Gallerie dell'Accademia di Venezia.

Nel 1717 si recò a Bologna, entrando in contatto con Giuseppe Maria Crespi, in città viene nominato membro d'onore dell'Accademia Clementina. Tornato a Bergamo l'artista si cimenta con ritratti definiti dai contemporanei capricciosi, in essi i personaggi sono in abiti inconsueti e orientaleggianti, a volte in pose arroganti.

Di questi anni sono il Ritratto del conte Giovan Battista Vailetti, ora a Venezia e il Doppio ritratto del conte Giovanni Secco Suardo con il suo servo, conservato all'Accademia Carrara di Bergamo e il Ritratto del dottor Bernardi bolognese, in collezione privata.

Secondo Francesco Maria Tassi dal 1732 "cominciò a dipignere col dito anulare tutte le carnagioni, la qual cosa continuò sino alla morte".

Datato al 1732 è l'Autoritratto dell'Accademia Carrara, e dello stesso periodo è il Ritratto di giovane, conservato al Museo civico Amedeo Lia a La Spezia.

Tra il 1735 e il 1740 è databile il Ritratto di Salomon Adler, ora in collezione privata a Bergamo.

Nel 1737 rifà, con la nuova tecnica, il volto del Ritratto di Francesco Maria Bruntino, sempre dello stesso periodo sono i ritratti di Isabella Camozzi de' Gherardi, in collezione privata, il Gentiluomo con tricorno del Museo Poldi Pezzoli, il Ritratto dell'avvocato Giacomo Bettami de' Bazini, il Ritratto di giovane pittore, entrambi all'Accademia Carrara di Bergamo e il Giovane con turbante, ora in collezione privata.

Morì nel Convento del Galgario, nel bergamasco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Battista Angelini, Per darti notizie del paese. Descrizione di Bergamo in terza rima, Bergamo 1720 circa.
  • Anton Maria Zanetti, Della pittura veneziana, Venezia 1771, pag. 400.
  • Fra Galgario. I maestri del colore. Fratelli Fabbri editore, Milano, 1966
  • Francesco Maria Tassi, Fra Vittore Ghislandi pittore, in Vite de' pittori scultori e architetti bergamaschi, Bergamo 1793, tomo II, pagine 57-74.
  • Valentino Bernardi, Il pittore Fra' Vittore Ghislandi da Galgario, Bergamo 1910.
  • Michele Biancale, L'arte di frate Vittore Ghislandi, Tip. Unione Ed., Roma, 1913.
  • I pittori della realtà in Lombardia, catalogo della mostra svoltasi a Milano nel 1953.
  • Giovanni Testori, Il Ghislandi, il Ceruti e i veneti in «Paragone» n. 57, 1954, pagine 16-33.
  • Mostra di Fra' Galgario e del Settecento in Bergamo, catalogo della mostra svoltasi a Bergamo nel 1955.
  • Fra' Galgario nelle collezioni private bergamasche, catalogo della mostra svoltasi a Bergamo nel 1967.
  • Francesco Frangi, Pittura della realtà a Bergamo e Brescia nel Settecento: l'attitudine al ritratto, in Settecento lombardo catalogo della mostra svoltasi a Milano nel 1991, testo alle pagine 38-43 e schede alle pagine 72-80.
  • Fra Galgario. Quattordici dipinti da collezioni private, catalogo della mostra svolatsi a Milano nel 1995.
  • Francesco Frangi, Ghislandi Vittore (al secolo Giuseppe), detto Fra Galgario, voce del Dizionario biografico degli italiani, Roma 2000, volume 54 alle pagine 37-44.
  • Fra' Galgario. Le seduzioni del ritratto nel '700 europeo, catalogo della mostra svoltasi a Bergamo dal 2 ottobre 2003 all'11 gennaio 2004, Milano 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 24874840 LCCN: n91061230