Vipera ursinii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Vipera dell'Orsini
Vipera ursinii
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Viperidae
Sottofamiglia Viperinae
Genere Vipera
Specie V. ursinii
Nomenclatura binomiale
Vipera ursinii
(Bonaparte, 1835)
Sinonimi

Pelias ursinii

Sottospecie
  • Vipera ursinii graeca
  • Vipera ursinii macrops
  • Vipera ursinii moldavica
  • Vipera ursinii rakosiensis
  • Vipera ursinii ursinii

La vipera dell'Orsini (Vipera ursinii (Bonaparte, 1835)) è un serpente della famiglia dei Viperidi diffuso in Europa.[2]

Il nome è un omaggio al naturalista ascolano Antonio Orsini (1788-1870).

In Italia è presente in alcune aree dell'Appennino centrale ma è specie rara a causa dell'alterazione del suo habitat naturale da parte dell'uomo e per questo è considerata specie protetta da varie convenzioni internazionali tra cui il CITES.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È caratterizzata da un corpo tozzo e da una testa stretta. La sua colorazione è grigio-crema o rossastra, con un elegante striscia a zig-zag bruna o nera sul dorso.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Generalmente è diurna e trascorre il giorno cacciando e riscaldandosi al sole ai margini dei cespugli. Si nasconde al minimo segnale di pericolo entro buchi nel terreno, cavità della roccia, e nel fitto intreccio dei ginepri. I maschi combattono per le femmine durante il periodo degli accoppiamenti che avvengono solitamente a maggio, e le femmine partoriscono 2-5 figli in agosto o settembre. Preda soprattutto Insetti Ortotteri ma non disdegna lucertole e piccoli Roditori.

La vipera dell'Orsini abita esclusivamente le praterie di alta quota e conduce vita solitaria eccetto nel periodo riproduttivo quando la si vede in coppia o in gruppi di maschi nell'atto del combattimento per conquistare la femmina.
È dotata di un apparato velenifero funzionante, ma assai debole, anche per le dimensioni ridotte delle zanne; morde rarissimamente ed ha un carattere molto mansueto: un suo eventuale morso non comporta in genere danni rilevanti. Vive dai 7 ai 10 anni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) European Reptile & Amphibian Specialist Group 2009, Vipera ursinii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Vipera ursinii in The Reptile Database. URL consultato il 24 luglio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili