Via Roma (Genova)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Via Roma
Via Roma nel 2009
Via Roma nel 2009
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Genova
Codice postale I-16121
Collegamenti
Luoghi d'interesse Palazzo Doria-Spinola
Mappa
Mappa di localizzazione: Genova
Via Roma
Via Roma

Coordinate: 44°24′32″N 8°56′09″E / 44.408889°N 8.935833°E44.408889; 8.935833

Via Roma è una delle principali strade della città di Genova, su cui si affacciano importanti palazzi ottocenteschi ed il cinquecentesco Palazzo Doria-Spinola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La via, realizzata tra il 1866 ed il 1877 insieme alla parallela Galleria Mazzini[1], fungeva da connessione tra via Assarotti e la parte finale di via Carlo Felice (a partire dal dopoguerra via 25 Aprile), edificate alcuni decenni prima, creando un collegamento diretto tra il quartiere di Castelletto e il centro.

Nell'ambito dei lavori di realizzazione della via, della galleria e degli edifici adiacenti, si sbancarono parte della collina di Piccapietra e parte della spianata dell'Acquasola[2]. Partendo dalle spalle del Teatro Carlo Felice (la cui costruzione era terminata nel 1828) a salire, si demolirono la chiesa e il convento di San Sebastiano, il conservatorio di San Giuseppe e l'oratorio di San Giacomo delle Fucine[1]. In salita di Santa Caterina, che collega la parte superiore di via Roma con piazza delle Fontane Marose, venne demolito un ponte a sifone dell'acquedotto medioevale[3].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La strada, a senso unico, è dotata di due corsie ascendenti, una delle quali dedicata ai soli mezzi pubblici. È sede di alcuni storici negozi di abbigliamento e fu soggetta ad alcuni lavori di riqualificazione in occasione del G8 di Genova.

Sulla via si affaccia il cinquecentesco Palazzo Doria-Spinola, sede della Provincia e della Prefettura, che fu mutilato dello spigolo destro per far spazio alla costruzione dell'arteria viaria.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Riccardo Navone, Viaggio nei caruggi. Edicole votive, pietre e portali, Fratelli Frilli Editori, Genova, 2007 ISBN 978-88-7563-334-9, p. 130
  2. ^ Carla Manganelli, Il parco dell'Acquasola, contenuto in A. Del Lucchese, P. Melli (a cura di), Archeologia Metropolitana - piazza Brignole e Acquasola, De Ferrari Editore, Genova, 2010, pp.40-42, riportato dal sito del Comune di Genova/Urbancenter
  3. ^ Riccardo Navone, Viaggio nei caruggi. Edicole votive, pietre e portali, Fratelli Frilli Editori, Genova, 2007 ISBN 978-88-7563-334-9, p. 317

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]