UTIAS Ornithopter No.1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
UTIAS Ornithopter No.1
Descrizione
Tipo ornitottero sperimentale
Equipaggio 1
Progettista James DeLaurier
Costruttore Canada University of Toronto Institute for Aerospace Studies
Data primo volo 8 luglio 2006
Esemplari 1
Dimensioni e pesi
Lunghezza 7,47 m (24 ft 6 in)
Apertura alare 12,56 m (41 ft 2 in)
Peso carico 322 kg (710 lb)
Propulsione
Motore un König SC-430
Potenza 24 hp (18 kW)
Prestazioni
Velocità di crociera 82 km (51 mph)

[senza fonte]

voci di aeroplani sperimentali presenti su Wikipedia

L'UTIAS Ornithopter No.1 (matricola C-GPTR) è un ornitottero sperimentale realizzato in Canada alla fine da un gruppo di ricerca della University of Toronto Institute for Aerospace Studies (UTIAS), il dipartimento degli studi aerospaziali dell'Università di Toronto.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Durante gli anni novanta un gruppo di ricerca della University of Toronto Institute for Aerospace Studies decise di provoare a rendere fattibile il volo di un'aerodina che si librasse in volo grazie alla tecnica dell'ala battente, un sistema che riproduce la tecnica che usano gli uccelli. Progettato da James DeLaurier e realizzato alla fine del decennio, dopo una serie di esperimenti, riuscì a staccarsi da terra autonomamente l'8 luglio 2006 dall'aeroporto di ?, percorrendo circa 300 metri per una durata di 14 secondi.

Primati e controversie[modifica | modifica sorgente]

Benché l'impresa fosse stata pubblicizzata come il primo mezzo aereo di questo tipo in gradi di librarsi autonomamente, questa affermazione è stata messa in discussione dalla comunità scientifica adducendo principalmente due motivi. In primo luogo, vi sono relazioni di altre simili imprese in cui un ornitottero riuscì, prima di questa data, a staccarsi da terra (vedi ornitottero), in secondo luogo Ornithopter No.1 è stato assistito nel decollo dalla spinta di un piccolo motore turbogetto, per cui non è riuscito a sostentarsi solo con il battito delle proprie ali.

Note[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione